Excite

Vittorio Cecchi Gori in isolamento

Con l'accusa di bancarotta fraudolenta il produttore cinematografico Vittorio Cecchi Gori è finito in carcere. Per lui è il terzo arresto. Cecchi Gori si trova ora in stato di isolamento nel carcere romano di Regina Coeli, ma il produttore parla di un semplice "disguido".

Cecchi Gori è stato arrestato ieri dalla Guardia di finanza nell'ambito dell'inchiesta che riguarda la Cecchi Gori Group. I debiti della società, dichiarata fallita il 23 ottobre del 2006 dal Tribunale di Roma, ammonterebbero a circa 25 milioni di euro. A complicare la posizione del produttore i contatti che avrebbe avuto con uomini politici e magistrati nei giorni successivi alla sentenza dichiarativa del fallimento. Gli incontri riguarderebbero la moglie dell'ex presidente della Camera Fausto Bertinotti, l'ex onorevole Claudio Martelli e l'onorevole Antonio Di Pietro.

Con Cecchi Gori è stato arrestato anche il suo collaboratore Luigi Barone ed è stata emessa una terza ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di Giorgio Ghini, presidente del collegio sindacale Safim Cinematografica. La Procura di Roma ha, inoltre, disposto il sequestro di quote societarie di diverse imprese riconducibili allo stesso produttore cinematografico, che detengono la proprietà di immobili di prestigio del valore di diverse centinaia di milioni di euro, tra queste diverse sale cinematografiche a Roma, Firenze, Genova e Bari.

"Sono solidale con lui come sempre lo sono stata, anche in altri momenti brutti. Ho mantenuto un bel rapporto di amicizia e se lui ha bisogno di me, di qualunque cosa, io ci sono", queste la parole sella showgirl Valeria Marina dopo aver ricevuto la notizia dell'arresto.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017