Excite

"Tutta colpa di Giuda": Kasia Smutniak tra i detenuti

Un gruppo di detenuti mette in scena la Passione di Cristo ma nessuno vuol fare la parte di colui che lo tradì: in "Tutta colpa di Giuda", nelle sale da domani, Davide Ferrario racconta la propria esperienza nel carcere le Vallette di Torino.

Il regista si è concesso un alter ego decisamente sexy, la bellissima Kasia Smutniak: quest'ultima nel film dirige i carcerati in un musical che causerà non pochi problemi: il prete della prigione non accetta l'adattamento personale dei testi sacri, e inoltre nessun detenuto vuole impersonare Giuda. E l'interrogativo che solleva Ferrario è inerente proprio a questo personaggio: cosa sarebbe successo se non avesse tradito Cristo?

Irena, interpretata della Smutniak, si getta anima e corpo nel progetto, trasferendosi per un periodo di tempo nel carcere e gettandosi alle spalle la sua vita privata, fidanzato compreso. Nella protagonista c'è molto di Ferrario che ha cominciato a lavorare in carcere 9 anni fa, tenendo lezioni di montaggio; la forte esperienza lo ha condotto ad operare anche come volontario, creando un laboratorio di audiovisivi. Nel film c'è più realismo di quanto si immagini, dal carcere in cui è girato ai detenuti trasformati in attori.

Nel cast figurano Luciana Littizzetto nel ruolo di suor Bonaria, Fabio Troiano che interpreta il direttore del carcere, e infine Cristiano Godano, leader del gruppo Marlene Kuntz, nel ruolo del fidanzato di Irena.

Guarda il trailer di "Tutta colpa di Giuda"

Fornito da Filmtrailer.com

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017