Excite

Torino Film Festival 2012: si parte con Dustin Hoffman e Jennifer Lynch

  • Area Press Festival

Comincia sotto il segno delle polemiche la 30esima edizione del Torino Film Festival, dopo il forfait di Ken Loach che a pochi giorni dall'inizio della kermesse decide di disertare la manifestazione rifiutando il Gran Premio Torino che gli era stato assegnato, per solidarietà con un gruppo di lavoratori licenziati del Museo del Cinema. Una bufera, che soltanto i primi titoli in conocorso potranno mettere a tacere.

L'appuntamento più atteso di questa prima giornata di festival è senz'altro quello con il tardivo debutto alla regia di Dustin Hoffman: l'attore americano affida il suo battesimo all'eccentrica commedia Quartet, adattamento cinematografico dell'omonima piece teatrale scritta da Ronald Harwood, qui sceneggiatore. Cast decisamente all star: Maggie Smith, Tom Courtenay, Billy Connelly e Pauline Collins. Spazio poi al ritorno di Jennifer Lynch (figlia del visionario David) che con il suo quarto lungometraggio, Chained, inaugura la sezione 'Rapporto Confidenziale'. La scrittrice de Il diario di Laura Palmer, diventato un cult del piccolo schermo grazie a papà David (Twin Peaks), racconta l'incubo di una donna e il suo bambino rapiti da una tassita che invece di riportarli a casa li trascina con sè in un'abitazione sperduta, dalla quale non usciranno più. Protagonsti Vincent D’Onofrio, Eamon Farren e Julia Ormond.

Tutti i volti di Jennifer Lynch: guarda la gallery

'Onde' ospita invece Abigail Harm del regista asioamericano Lee Isaac Chung, che qui si ispira ad un racconto popolare coreano. Abigail è una donna sola, vive ai margini della città e lavora come lettrice per non vedenti. Il suo più grande sogno è avere un uomo al suo fianco da amare fino al giorno in cui uno straniero non bussa alla sua porta... Nei panni della protagonista, Amanda Plummer che Eugene Suen, uno dei produttori, presentò al regista di Lucky Life alcuni anni fa:

"Da allora abbiamo iniziato a scriverci, - spiega Isaac Chung - discutendo di progetti a cui collaborare. Ho provato a pensare a storie che le dessero la possibilità di esprimersi liberamente. Abbiamo tirato in ballo svariate idee e, alla fine, ci siamo accordati su un’antica leggenda coreana che lessi da bambino e che non ho mai dimenticato. Con Amanda libera di imperversare ho cercato di mettere in contrasto la natura fantastica della storia con un approccio più realistico, così da sottolineare le emozioni più pure del personaggi". Ma questo è solo il primo assaggio di un festival all'insegna di un cinema di qualità; gli appuntamenti proseguiranno fino al 1 dicembre.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019