Excite

"The Equalizer - Il Vendicatore": la recensione del film con Denzel Washington nei panni del super giustiziere

  • Facebook The Equalizer

Denzel Washington è uno degli attori più amati del cinema mondiale. Ecco perché, fin dalle sue interpretazioni in Grido di libertà e Malcolm X, ogni film di cui è protagonista finisce per ottenere sempre riscontri positivi, indipendentemente dalla qualità di regia e sceneggiatura: è Denzel Washington che finisce per “fare i film” a cui partecipa.

I film che vedremo al cinema nel 2015

È quello che è accaduto anche con The Equalizer - Il Vendicatore, film diretto da Antoine Fuqua che vede Washington nei panni di un agente segreto in pensione che decide di tornare in azione per dare sfogo al suo senso di giustizia.

In The Equalizer Denzel Washington è Robert McCall, un uomo che lavora in un tipi mega store del fai da te americano e appare come un qualsiasi impiegato di una città americana. Vedovo, passa il suo tempo libero tra colleghi e il suo bar preferito in cui si reca ogni sera.

Proprio nel bar conoscerà Teri, una prostituta maltratta dai suoi aguzzini che spingerà Robert a tirare fuori le sue abilità da agente segreto. Robert però finisce per mettersi contro le persone sbagliate, attaccando una rete criminale immensa, che non avrà nessun timore ad affrontare.

Se c'è un altro modo per definire The Equalizer, è sicuramente The Denzel Washington show. Abbiamo visto l'attore nei panni di ogni personaggio: avvocato, eroe della comunità afroamericana, pugile: ogni volta tira fuori il meglio dal protagonista e ce ne fa innamorare senza via d'uscita. Lo fa anche in The Equalizer, un film che non si distinguerebbe da tanti altri action movies senza la presenza di Washington e alcuni virtuosismi registici inseriti del regista Fuqua.

Sono la classe, il sangue freddo, l'intensità della sua interpretazione a trasformare questo eroe metropolitano, Robert McCall, in un protagonista magnetico per gli spettatori, che pendono letteralmente dalle sue labbra per le due ore del film. Tutti gli altri personaggi, anche Marton Csokas, che interpreta lo spietato criminale russo Tedddy, scompaiono davanti a lui. Anche le scene più sanguinose, sicuramente ben strutturate e con una fotografia di ottima qualità, non ci lasciano a bocca aperta come Washington.

Il Vendicatore, insomma, si identifica nel suo protagonista e in nient'altro. Un personaggio come Washington è forse addirittura troppo per un film d'azione con una sceneggiatura piuttosto debole, perché fa scomparire tutto il resto. Quel che è certo è che proprio il bonario e al tempo stesso letale Robert McCall ha fatto la differenza, rendendo godibile e trascinante un film che altrimenti sarebbe finito nella mischia dei film a base di CIA che invadono le sale cinematografiche. Insomma, un film comunque da vedere, o meglio, un Denzel Washington da vedere.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017