Excite

S.O.S. occhiali 3D

I bambini di età inferiore ai sei anni non potranno indossare occhiali per la proiezione in 3D al cinema: lo ha stabilito il Consiglio Superiore di Sanità in seguito ad un episodio avvenuto a Milano, in cui una bimba di 3 anni ha riportato una forte infiammazione all'occhio sinistro.

La piccola aveva assistito alla visione di 'Alice nel Paese delle Meraviglie' al cinema Plinius nel capoluogo lombardo: a distanza di qualche ora l'occhio si è gonfiato e il mattino dopo aveva addirittura assunto le dimensioni di una noce. Visitata al pronto soccorso, alla bimba è stata somministrata una pomata cortisonica per infiammazione acuta: i genitori ricorreranno alle vie legali.

Il Codacons è stata tra le prime associazioni ad evidenziare i rischi dovuti all'uso degli occhialini 3D: 'Gli occhiali non hanno marcatura Ce (a garanzia di qualità), sono di materiali di ignota provenienza, non vengono sterilizzati dopo l’uso e cambiano almeno tre volti al giorno'.

A tutela degli spettatori, il Codacons ha stabilito un intervallo più lungo e il divieto per gli occhiali che non sono monouso. Come sottolinea il parere richiesto dal Codacons e formulato dalla sezione II del Css, 'deve essere garantita la fornitura del tipo monouso agli spettatori'. Sarà esseniale inoltre 'un'ampia divulgazione informativa circa l'utilizzo appropriato e corretto degli occhiali 3D nelle sale cinematografiche'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017