Excite

Shia LaBeouf violentato: "Una donna mi ha stuprato durante la mia performance artistica"

  • © Getty Images

La sfera sessuale, soprattutto dopo aver recitato da co-protagonista in Nymphomaniac, non dovrebbe essergli così nuova, ma non al punto da non traumatizzarlo in caso di stupro. L'attore Shia LaBeouf ha infatti dichiarato di essere stato violentato durante la sua performance I am Sorry.

"Nymphomaniac", le scene di sesso del film

In molti ricorderanno che l'attore, diventato famoso con la saga di Transformers e consacrato dall'ultima opera di Lars Von Trier, si è reso protagonista a febbraio di una installazione alla Marina Abrahamovic, in cui rimaneva in ginocchio indossando una tuta in tuxedo e con il volto nascosto da un sacchetto di carta. L'esperimento consisteva nel permettere ai passanti di dire all'attore tutto quello che volevano, nonostante la sua identità fosse protetta dal sacchetto.

.

Secondo quanto raccontato dall'attore in un'intervista a Dazed Digital, qualcuno non si sarebbe limitato ad insultarlo e urlargli contro durante la performance: LaBeouf ha raccontato di aver subito uno stupro da una visitatrice.

“Una donna che era arrivata con il fidanzato, rimasto fuori dalla porta, ha frustato le mie gambe per dieci minuti, poi mi ha spogliato e ha iniziato a violentarmi” ha raccontato LaBeouf. “C'erano centinaia di persone quando è uscita con i capelli scompigliati e il rossetto sbavato. Non è stato bello, né per me né per il marito” . LaBeouf ha aggiunto che mentre si svolgeva il fatto, anche la sua fidanzata era fuori dall'edificio, a pochi metri da dove lo stavano stuprando. Un fatto che li ha traumatizzati entrambi, riempiendoli di dolore fino a convincerli a non parlare del fatto fino ad oggi.

C'è da dire che le condizioni psicologiche ed emotive di Shia LeBeouf sono fragili già da diversi mesi: lo ha dimostrato con il suo arresto per "condotta disordinata" a giugno e, ancora prima, durante la proiezione di Nymphomaniac al Berlin Film Festival, quando ha indossato un cappello con scritto “Non sono più famoso”: un messaggio che, come dichiarato da LeBeouf, rappresentava il distacco che ha deciso di prendere dal mondo del cinema e in generale da Hollywood. “La cultura dell'amica è basata tutta su po**ini e golf” ha commentato nella sua intervista a Dazed Digital.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019