Excite

Sharon Stone parla del terremoto, la Cina si infuria

Sharon Stone in questi giorni non è davvero troppo amata in Cina, dopo le dichiarazioni non proprio delicate rilasciate durante il Festival di Cannes alla rete televisiva di Hong Kong Cable Entertainment News.

La diva americana durante il suo soggiorno a Cannes, dove si era recata per promuovere l'evento amFAR, per la raccolta dei fondi per la lotta all'HIV, commentando la situazione in Cina dopo il terremoto, ha detto: "Non sono contenta di come la Cina tratta i tibetani e di quello che ha fatto al Dalai Lama, che è un mio amico. Quando è avvenuto il terremoto, ho pensato: può essere dipeso dal karma, quando tu fai una cosa non buona a un'altra persona e poi ti capita qualcosa di male?"

Immediate le reazioni cinesi, dove le dichiarazioni, diffuse dai siti internet, hanno scatenato una vera bufera. Ng See-Yuen, presidente della Federazione dell'industria cinematografica di Hong Kong e capo di un'impresa che controlla i principali cinema delle cinque più grandi città cinesi (Pechino, Shanghai, Chongqing, Hangzhou e Guangzhou), ha ritirato i film dell'attrice da tutti i suoi cinema, giudicando le parole della Stone 'inappropriate'.

Un danno che si annuncia notevole, anche perché ci sono ben quattro film con la Stone in uscita da qui al 2010. Ma non solo, anche la Dior, che ha scelto l'attrice per la nuova campagna pubblicitaria di cosmetici, ha ritirato le sue immagini dai grandi magazzini di Pechino.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017