Excite

Rubini si racconta in "L'uomo nero"

Un bambino diviso tra l'amore per il padre e l'ammirazione per lo zio, uomini molto diversi fra loro: questo il filo conduttore della pellicola "L'uomo nero" di Sergio Rubini, regista e protagonista del film, nelle sale da venerdì prossimo.

Nel suo film più autobiografico, Rubini racconta il rapporto con la sua famiglia: il piccolo Gabriele vive con il padre ferroviere e aspirante pittore, la madre insegnante e il giovane zio, simpatico e fanfarone. La pellicola ha inizio con il ritorno di Gabriele (da adulto interpretato da Fabrizio Gifuni) nel suo paese d'origine a causa della malattia del padre.

"Il film mette insieme tanti ricordi sia miei che del co-sceneggiatore Domenico Starnone, anche lui con un padre ferroviere aspirante pittore" ha dichiarato Rubini, che interpreta il padre di Gabriele. "Abbiamo messoun po' di cose insieme, anche se non c'é niente di più falso di come si raccontano i ricordi. Tante è vero che mio padre, dopo aver visto il film, mi ha detto meravigliato:'ma che quello sono davvero io?'".

Al fianco del regista troviamo la coppia Riccardo Scamarcio e Valeria Golino, che sullo schermo interpretano fratello e sorella. Scamarcio era stato diretto da Rubini nel suo film precedente "Colpo d'occhio", uscito un anno e mezzo fa. "L'uomo nero", che si avvale della colonna sonora di Nicola Piovani, è stato prodotto da Biancafilm in collaborazione con Raicinema, ed è costato cinque milioni di euro. Il film è stato accostato all'osannato "Baarìa" di Tornatore.

"Come si fa a paragonarli?" si chiede Scamarcio. "Sono film molto diversi. Paragonare un film costato cinque milioni di Euro contro uno che è costato 25 mi sembra comunque una cosa buona". Rubini confessa a tal proposito: "Devo dire che 'Baarìa' non l'ho ancora visto, ma mi riempie di orgoglio che si faccia questo paragone con un kolossal. E poi stimo molto Tornatore - conclude - con il quale ho diversi punti di contatto".

Foto da adnkronos.com

Guarda il trailer de "L'uomo nero"
Powered by Filmtrailer.com

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017