Excite

Roman Polaski è libero

Un'odissea durata quasi un anno, poi finalmente la libertà: il regista Roman Polanski è stato prosciolto, e la giustizia svizzera ha deciso di non estradarlo in Usa, che invece è delusa e continua a chiedere giustizia.

Per chi avesse perso il filo della vicenda, Polanski fu arrestato nel settembre 2009 a Zurigo per una vicenda avvenuta più di trent'anni prima: il regista polacco aveva stuprato l'allora minorenne Samantha Geiger ad una festa organizzata dall'attore Jack Nicholson. Condannato a novanta giorni in una clinica psichiatrica, Polasnki nel '77 lasciò gli Stati Uniti per trasferirsi definitivamente in Francia.

Dopo l'arresto dell'anno scorso, Polanski ha trascorso due mesi in carcere, poi paga una cauzione di tre milioni di dollari e viene trasferito agli arresti domiciliari nel suo chalet a Gstaad, in Svizzera. Intato esce al cinema il suo nuovo film 'The Ghostwriter', che vince anche l'Orso d'argento al festival di Berlino. Il cineasta segue il montaggio a distanza, poichè al momento dell'arresto il film era in post produzione.

Mentre Polanski è nella sua abitazione in Svizzera, le autorità elvetiche hanno respinto la richiesta da parte degli Usa del processo in contumacia, e ieri quella di estradizione, permettendo a Polanski di tornare libero.

'E' la fine di un incubo' ha dichiarato la moglie del regista Emmanuelle Seigner. Polanski invece rivolge 'un'immenso grazie' a tutti coloro che non lo hanno abbandonato: 'Non voglio esprimermi pubblicamente ma solo ringraziare di cuore coloro che mi hanno sostenuto e condividere la mia soddisfazione'.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017