Excite

Pandolfi come Franzoni? Madre inquieta in "Quando la notte"

  • Quando la notte - foto ufficiale

Arriva venerdì 28 ottobre nelle sale "Quando la notte", l'ultimo film di Cristina Comencini che un mese fa è stato piuttosto contestato dalla critica al Festival di Venezia.

La pellicola, con Claudia Pandolfi e Filippo Timi, racconta del periodo di difficoltà di una madre, Marina, con un figlio di tre anni. La donna decide di trasferirsi in una baita di montagna per gestire una maternità che diventa sempre più complessa. Sul Monte Rosa incontrerà Manfred, un uomo molto schivo (il proprietario della baita), che a sua volta ha grossi problemi relazionali con le donne a causa di un'infanzia particolare.

Un personaggio complesso, quello di Marina, che Claudia Pandolfi ha interpretato con molta intensità, come ha dichiarato alla Stampa. La Pandolfi racconta le difficoltà che ha avuto nella vita reale: "Nei primi due mesi mi sono sentita in gabbia, con il corpo stravolto, il mio ego messo da parte in maniera brusca e l’incognita di un bambino con cui non potevo parlare. Ero sola, molto stanca, ho chiesto aiuto, a mia sorella, all’ostetrica, ai miei genitori, e lentamente ho smesso di sentirmi inappropriata e fuori luogo".

Qualcuno ha accostato la trama del film al caso Franzoni, ma la Pandolfi smentisce: "Si tratta di due vicende molto diverse, non me la sento di paragonare la Franzoni alla protagonista del film".

Il film diretto dalla Comencini è tratto da un romanzo (di cui è in uscita anche l'audiolibro) della stessa regista. "E' il mio film più bello, il più maturo e il più riuscito, ma anche il più faticoso", ha spiegato la Comencini riferendosi alla location scelta, il Monte Rosa, con temperatura molto bassa e set raggiungibile solo in elicottero o a piedi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019