Excite

Paul Walker morto ad alta velocità: viaggiava a 160 km orari. Ma in Fast and Furious 7 non morirà

  • Getty Images

di Claudia Gagliardi

Paul Walker è stato tradito dall'alta velocità, la stessa celebrata insieme alla passione per i motori nella saga Fast and Furious, di cui è stato protagonista sul grande schermo per oltre un decennio. L'autopsia sul corpo e le indagini condotte dal medico legale confermano che l'auto su cui l'attore viaggiava con un amico, di ritorno da un evento benefico a Los Angeles dedicato alle vittime del tifone nelle Filippine, viaggiava a velocità più che sostenuta.

Paul Walker: è morto l'attore di Fast & Furious. Le sue foto più belle

La Porsche Carrera Gt che si è schiantata contro un albero lo scorso 30 novembre andava a più di 160 chilometri orari: secondo ricostruzione coroner della Contea di Los Angeles, Kristy McCracken, "per ragioni sconosciute, il conducente ha perso il controllo del veicolo". L’auto ha inizialmente colpito il bordo della strada, poi un albero ed infine un lampione. Lo schianto ha fatto girare l’auto di altri 180 gradi, fino a colpire un altro albero per poi prendere fuoco. Per i due passeggeri non c'è stato scampo: Roger Rodas, amico di Paul Walker alla guida dell'auto, è morto in conseguenza delle ferite da trauma riportate nell'impatto.

Per Paul Walker è confermata la terribile ipotesi di morte per lesioni di tipo termico: oltre che per le ferite riportate nello schianto, l'attore è morto tra le fiamme dell'incendio provocato dall'incidente. La conferma dell'alta velocità del bolide riporta alla mente anche le congetture di alcuni organi di stampa all'indomani della tragedia, quando circolarono le voci di una gara di velocità in corso tra l'auto su cui viaggiava Paul Walker e quella di amici. Ipotesi sempre smentite dall'entourage dell'attore.

Intanto la Universal avrebbe deciso che il personaggio interpretato da Paul Walker uscirà di scena: dopo lo stop alle riprese subito dopo il dramma e le ipotesi di conservare comunque le scene già girate apportando delle modifiche allo script, secondo l'Hollywood Reporter la major avrebbe deciso il suo destino. L'agente Brian O' Connor, poliziotto infiltrato nelle corse clandestine, non morirà ma andrà in "pensione", in "un modo che lo studio spera soddisferà i fan della saga grazie alle sequenze già girate da Walker". Accantonata dunque anche l'ipotesi che l'attore quarantenne fosse sostituito dal più giovane fratello Cody.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018