Excite

Paul Haggis: addio Scientology

Il credo più diffuso tra i vip hollywoodiani perde un'adepto: il regista Paul Haggis abbandona la chiesa di Scientology, e ne spiega i motivi in una lettera indirizzata al portavoce della religione, Tom Davis. Sebbene privata, la lettera è stata pubblicata sul sito scientology-cult.com.

"Non sono bravo a seguire le regole" dichiara nello scritto il premio Oscar per "Crash-Contatto fisico". Uno dei motivi principali che ha spinto Haggis alla decisione è stata la mancata condanna da parte di Scientology nei confronti della chiesa di San Diego: quest'ultima lo scorso novembre aveva appoggiato la Proposition 8 contro i diritti dei gay.

Inoltre il regista si era rifiutato di tagliare i rapporti con i suoceri, che 25 anni prima avevano già chiuso con il credo. "Sono una coppia adorabile, - scrive Haggis - non hanno mai parlato male di Scientology, e addirittura sono stati loro ad avvicinare mia moglie alla religione. Con grande dolore, mia moglie ha chiuso tutti i contatti con loro, ma io mi sono rifiutato. Non sono mai stato bravo ad eseguire gli ordini, - aggiunge - specie se li trovo moralmente reprensibili".

Di recente Scientology è stata fortemente criticata in seguito alla condanna per truffa da parte del movimento religioso in Francia. Problemi anche con l'attore John Travolta, che meno di un anno fa ha perso il figlio Jett: nonostante sia rimasto fedele al suo credo, il divo di "Greese" ha accusato la chiesa fondata da Ron Hubbard di avergli impedito la somministrazione delle cure adeguate al ragazzo, affetto da gravi problemi cardiaci.

Nonostante il momento difficile, Scientology conta ancora numerose star tra i suoi seguaci: primo fra tutti l'attore Tom Cruise, che ha convertito anche la moglie Katie Holmes; tra gli altri figurano Juliette Lewis, Priscilla Presley, Demi Moore, Brad Pitt, Oliver Stone e Ricky Martin.

Foto di press.wgaw.org

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017