Excite

"Orphan", il ritorno dei bambini demoniaci

Possono accadere le cose più terrificanti quando una persona della quale non si conosce nulla entra a far parte della routine familiare. E' ciò che accade ai protagonisti di "Orphan", horror diretto da Jaume Collet-Serra, nelle sale da venerdì.

Il film ha creato il malcontento intorno alla Appian Way, casa di produzione di Leonardo Di Caprio, da parte delle associazioni a favore dell'adozione: infatti la pellicola racconta di una coppia che, nonostante i due figli e una vita felice, non riescono a dimenticare un doloroso aborto; decidono così di adottare Esther, bambina sveglia e dolce conosciuta in orfanatrofio. La candida apparenza della piccola però nasconde un passato oscuro del quale nessuno sa nulla, e una volta entrata in casa, hanno luogo una serie di strani incidenti.

"Orphan" riprende la tematica ampiamente trattata al cinema dei bambini indemoniati, da "L'esorcista" a"Omen - Il presagio", "The Unborn" e "L'innocenza del diavolo". Collet-Serra ha presentato la pellicola in anteprima al 42° Festival internazionale del cinema fantastico di Sitges: "Esther, nonostante una natura oscura e malefica, è mossa da un disperato bisogno d'amore" ha spiegato. "Gli atti che compie, anche i più atroci, sono la conseguenza di una profonda solitudine affettiva".

Sulle polemiche nate intorno al film, del cui cast fanno parte Vera Farmiga, Peter Sarsgaard e la piccola Isabelle Fuhrman, il regista ha risposto: "Esistono decine di pellicole con bambini diabolici, perchè scandalizzarsi se per una volta uno di questi è adottato? La questione importante, semmai, riguarda le tutele messe in atto nei confronti dei nostri giovanissimi attori. Da questo punto di vista posso assicurare che per loro recitare è stato un divertimento, per quanto impegnativo".

Foto da filmjunk.com

Guarda il trailer di "Orphan"

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017