Excite

Nomination Oscar: i migliori non protagonisti

Nella fatidica notte degli Oscar, i loro premi sono tra i primi ad essere consegnati e la curiosità per i nomi dei vincitori non è la stessa riservata al miglior film, miglior regia o agli interpreti principali. Ma gli attori e le attrici non protagonisti, le cosiddette “spalle”, spesso ricoprono un ruolo fondamentale affinché un film possa essere definito un capolavoro.

Come ogni anno, le due rose di candidati alla statuetta sono formate da stelle hollywoodiane e nuove scoperte, e non è sempre detto che i veterani abbiamo la precedenza. Ne sa qualcosa Penelope Cruz, che da dieci anni si divide tra gli Stati Uniti e l’Europa e ha ricevuto sola una nomination nel 2006 per “Volver”. Marisa Tomei, vincitrice nel 1992 di un Oscar considerato dai più immeritato, ci riprova nel ruolo di una prostituta innamorata in “The Wrestler”. L’anima black del cinema americano sarà rappresentato dalle bravissime Viola Davis e Taraji P. Henson, entrambe nei panni di madri premurose: la prima di un ragazzino molestato da un prete ne “Il dubbio”, la seconda di un bambino speciale che ringiovanisce col tempo ne “Il curioso caso di Benjamin Button”. La cinquina è completata dalla dolce Amy Adams, scoperta solo l’anno scorso nel film Disney “Come d’incanto” e adesso già nominata nel ruolo di innocente novizia ne “Il dubbio”.

Ritroviamo lo stesso film nella categoria maschile, la cui nomination appartiene al premio Oscar 2005 Philip Seymour Hoffman, che interpreta un prete accusato di pedofilia (dalla madre superiora Meryl Streep, nominata come miglior attrice protagonista). Josh Brolin, rilanciato dai fratelli Coen nel successo dello scorso anno “Non è un paese per vecchi”, è candidato per il ruolo del consigliere comunale Dan White in “Milk”, diretto da Gus Van Sant. Candidatura inaspettata per Michael Shannon, che ha collezionato l’ennesimo ruolo da non protagonista in “Revolutionary Road”, in cui è un lucidissimo psicolabile rinchiuso tra i perbenismi della claustrofobica società degli anni ’50. Altrettanto imprevista la nomination di Robert Downey Jr. per il film comico “Tropic Thunder”, poichè la giuria degli Academy è stata sempre accusata di prediligere il dramma piuttosto che la commedia. Prevista e soprattutto dovuta la nomination per Heath Ledger, il giovane attore scomparso un anno fa che ha fatto del suo Joker in “The dark knight” uno dei cattivi più inquietanti e riusciti di tutti i tempi.

I meritati premi per miglior attore e attrice non protagonista dello scorso sono andati a Javier Bardem per “Non è un paese per vecchi” e a Tilda Swinton per “Michael Clayton”, mentre quelli più discussi del 2007 furono assegnati all’esordiente Jennifer Hudson per “Dreamgirls” e ad Alan Arkin per “Little Miss Sunshine”.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017