Excite

Meryl Streep cuoca al Festival di Roma

 di Marta Marrucco

Permanente, gonna anni '50, collana di perle, voce acuta, e anche stavolta per Meryl Streep il gioco è fatto: la più grande attrice vivente, versatile e camaleontica come nessun altro a Hollywood, regala l'ennesima strepitosa interpretazione in "Julie & Julia", divertente commedia nella quale veste i panni della celebre cuoca Julia Child.

La pellicola, diretta da Nora Ephron, si ispira alla vera storia della scrittrice Julie Powell, interpretata da Amy Adams: Julie, trentenne con il sogno di diventare scrittrice e con l'hobby della cucina, decide di rivoluzionare la sua vita seguendo le orme della Child, donna che nel '48 cambiò la cucina americana con il suo libro di ricette apprese a Parigi. La sfida è quella di preparare le 500 e più ricette di Julia in un anno, raccontandone le peripezie su un blog.

Come molti film della Streep, anche "Julie & Julia" si basa quasi unicamente sulla bravura dell'attrice, affiancata da uno Stanley Tucci stavolta in un ruolo non sopra le righe, ma interpretato con la solita maestria; sotto tono invece la Adams, che aveva dato prova di grande talento ne "Il dubbio", nel quale recitava accanto a Meryl. La storia, anche se un pò lenta, risulta ad ogni modo piacevole, e gli spettatori saranno di certo tentati dalle gustose ricette nelle quali si cimentano le protagoniste.

Il film è stato presentato oggi in anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma, dove la Streep riceverà il premio Marc'Aurelio alla carriera, assegnato nelle scorse edizioni a Sean Connery, Sophia Loren e Al Pacino. Come ogni anno, la diva è già in odore di Oscar, dopo 15 nominations e tre statuette vinte. A proposito di premi e complimenti, Meryl ha dichiarato in conferenza: "Non incidono sulla mia vita, sono consapevole i miei difetti. Mi interessa l’imperfezione, la fragilità dei personaggi che interpreto".

La Streep non ha mai incontrato Julia Child anche se negli anni ’80 sono state in contatto tramite corrispondenza per "Slow Food", causa sul cibo sano per la quale Meryl è molto attiva: "Per prepararmi al ruolo ho avuto solo due settimane, ho guardato tutti i suoi show televisivi. Per interpretarla ho pensato a mia madre, una donna di quell'epoca: erano simili, persona estroverse ed estremamente positive".

La grandezza di questa attrice si evince anche dal suo modo di essere sorridente e auto ironica in ogni risposta: "Amore, sesso e cibo, questo è ciò che brilla nel film. Basta poco per essere felici nella vita. Per quanto mi riguarda - aggiunge - sono stata fortunata, amo mio marito e i miei quattro figli. La ricetta giusta? Energia e capacità organizzativa. E la consapevolezza che la famiglia viene prima del lavoro".

Tante soddisfazioni, collaborazioni con attori e personaggi illustri, anche se le piacerebbe recitare per Martin Scorsese. E alle figlie che hanno intrapreso la stessa carriera, raccomanda: "Ad oggi molti vengono colti dall'epidemia del glamour e della bellezza, ma io sono un'attrice, miro ad essere duttile a rappresentare personaggi diversi fra loro. L'attenzione che i media riservano agli attori è più morbosa rispetto a quando ho cominciato io negli anni '70. C'è troppa pressione ed è facile perdere di vista gli obiettivi".

 (foto © LaPresse)

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017