Excite

Luchetti e Germano conquistano Cannes

Missione compiuta: Daniele Luchetti conquista Cannes. Il suo affresco sul precariato italiano in 'La nostra vita' ha ricevuto tantissimi applausi, e si vocifera che il protagonista Elio Germano sia il più vicino a contendersi la Palma da migliore attore con Javier Bardem.

'Per me è già una vittoria essere messo in gara con lui, indipendentemente da come finirà' ha commentato l'attore, affiancato da un cast di tutto rispetto, da Isabella Ragonse a Luca Zingaretti e un sorprendente Raoul Bova. Luchini racconta con intensità la storia dolorosa di una famiglia, senza mai giudicarla: 'Non volevo condannare nè celebrare nessuno, - sottolinea il regista - ma mostrare il nuovo proletariato così com'è, non dall'alto in basso come si faceva una volta con la commedia o il cinema politico'.

Incidente sexy in passerella

Sulla croisette ieri ha fatto ritorno Naomi Watts, agente della CIA in 'Fair Game'. Ad affiancare il regista Doug Liman - quello di 'The Bourne Identity' - è stata la bionda attrice ma non il suo co-protagonista Sean Penn, che non è potuto intervenire alla manifestazione. 'Non è un film politico, - ha spiegato Liman - ma una storia universale. A tutti noi è capitato di avere problemi con la burocrazia'.

Guarda il red carpet del cast di Fair Game'

Tratto dalla vera storia di Valerie Plame, la Watts ha raccontato che incontrare più volte la ex spia l'ha aiutata a calarsi nei suoi panni, un'operazione - a quanto pare - complessa: 'Una donna - dice Naomi - che non poteva appoggiarsi e parlare con nessuno, sempre molto rilassata anche se faceva cose incredibili, divisa tra lavoro e rapporti privati. Una donna vera'.

Speciale Cannes 2010

E con i precari e le spie, al Festival sono giunti anche i mercenari. Un film attuale, quello di Ken Loach, che chiude il trittico in concorso ieri: 'Route Irish' è un film crudo sulle figure dei contractor, sorta di mercenari ben pagati per presidiare le aree di conflitto. Quando uno di loro perde la vita, resta nell'ombra e senza ricevere le onorificenze del soldato: è quanto accade a uno dei protagonisti, eliminato perchè decide di denunciare gli orrori e i suprusi a cui ha assistito in Iraq. Il suo migliore amico aprirà un'inchiesta privata.

Dopo Naomi Watts, un'altra attrice affascinante solcherà oggi il tappeto rosso: trattasi di Diane Kruger, che dopo 'Bastardi senza gloria' di Quentin Tarantino torna con il film francese 'Lily Sometimes' nei panni della protagonista: quest'ultima dovrà occuparsi della fragile sorella minore dopo la morte della madre. In concorso 'Outside of the law' e 'Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives'.

 (foto © LaPresse)

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017