Excite

Leone d'oro a Tim Burton

anche più bello di quell'uomo nudo su quella specie di palla". Così Tim Burton commenta guardando il Leone d'oro alla carriera ricevuto al Lido di Venezia. Poche parole, che spiegano bene la felicità del regista e il suo rapporto con Hollywood, a cui aggiunge:"Quando sono venuto qui ho sempre ricevuto un'accoglienza incredibile. Proprio quello che sogna ogni regista: essere apprezzato per il proprio lavoro e non per le logiche del business. Spero che questo premio, l'onore più grande che abbia mai ricevuto, serva a rinvigorire la mia carriera".

Il padre di film visionari del calibro di "Edward mani di forbice", "La fabbrica di cioccolato", "The Nightmare before Christmas" o del più reale ma al contempo allucinato "Big Fish" è il più giovane regista a ottenere un Leone d'oro alla carriera. Marco Muller, direttore della Mostra del Cinema, motiva il premio affermando: "Abbiamo voluto consacrare un artista che ha messo la fantasia al potere".

Burton, dopo aver ricevuto la statuetta dalle mani di Johnny Depp, principale interprete dei suoi film, non si è risparmiato in elogi nei confronti dell'attore e ha affermato:"Amo lavorare con lui perché è un artista eccezionale che riesce a essere molte creature diverse". Alle domande sulla sua prossimo pellicola "Sweeney Todd" ha risposto ironico:"Un film dell'orrore all'antica con tanta musica" [...] "Ma non so ancora se si tratti di una commedia o di un dramma. Non vorrei presentarlo come commedia e poi nessuno ride, o viceversa".

La conferenza stampa di Tim Burton a Venezia

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017