Excite

La rivoluzione della musica anni '60 in "I love Radio Rock"

Un gruppo di dj e una radio pirata che trasmette rock a tutto spiano nella severa Inghilterra del 1966: questo il mix esplosivo della pellicola "I love Radio Rock", nelle sale italiane da venerdì 12 giugno.

Nel Regno Unito degli anni '60 la BBC trasmetteva solo due ore di rock al giorno, temendo che questo nuovo tipo di musica potesse influenzare negativamente i giovani. Ma un gruppo di dj, capitanati da Quentin, si nascondo al largo del Mare del Nord e inaugurano una radio "pirata" che trasmette canzoni rock e pop per tutto il giorno. Al gruppo di simpatiche canaglie si unisce il giovane Carl, figlio di uno di loro, che è stato appena espulso dalla scuola: l'esperienza a bordo della nave di Radio Rock si rivelerà molto più formativa del previsto.

Ma in "I love Radio Rock" la celebrazione del rock va di pari con le divergenze politiche e sociali dell'epoca: infatti il ministro inglese Dormandy si batterà affinchè la radio chiuda i battenti, affidando al suo assistente Twatt il compito di scovare una valida ragione legale affinchè riesca nell'intento.

Il film è diretto dal neozelandese Richard Curtis, regista del romantico "Love Actually" e sceneggiatore di successi quali "Quattro matrimoni e un funerale" e "Il diario di Bridget Jones".

Nel cast vediamo Quentin impersonato da Billy Nighy (che già collaborò con Curtis in "Love Actually" nel ruolo dello sgangherato cantante), il bravissimo Philip Seymour Hoffman è il dj Conte, l'ex bond girl Gemma Arterton è Desiree, Jack Davenport ("Pirati dei Caraibi") è il fido Twatt e il grande attore inglese Kenneth Branagh è il ministro Dormandy.

Guarda il trailer di "I love Radio Rock"
Powered by Filmtrailer.com

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017