Excite

La Comencini a Venezia: la critica la stronca, il pubblico l'applaude

  • LaPresse

Nell'ottava giornata della 68° Mostra del cinema di Venezia, protagonista è stato il secondo film in trascorso, 'Quando la notte', la pellicola girata da Cristina Comencini e interpretata da Claudia Pandolfi e Filippo Timi. La proiezione per la stampa non è stata molto apprezzata, fischi si sono alzati dalla sala.

Tutti i video più belli di Venezia 2011

Invece, il pubblico ha molto apprezzato, in serata, la storia di questa madre che vive un momento difficile, di solitudine, e che si trova in vacanza con il figlio, un figlio che non sa gestire. È qui che incontra un uomo che vive il suo stesso disagio, che è stato da poco lasciato dalla moglie. I due si comprenderanno e si aiuteranno. Un film che affronta la maternità nella sua parte più cruenta, più forte e più complicata.

Cristina Comecini ha difeso il suo lavoro: 'Evidentemente in certi festival non sono accettate le emozioni. E' un film molto silenzioso, fatto di pochissime parole. Abbiamo mantenuto solo due-tre momenti emotivamente forti. Per il resto abbiamo cercato di oggettivare il romanzo attraverso le immagini'. Infatti, è tratto da libro omonimo scritto dalla regista che aggiunge: 'Le donne non ne parlano mai, preferiscono nascondere sotto il cappello dell'istinto materno le difficoltà. Invece la maternità si paga, ti ruba qualcosa. E nello stesso tempo ti regala un'esperienza unica, l'incontro con l'altro'.

In concorso ieri è stato presentato anche il nuovo film del maestro del cinema mondiale Abel Ferrara: '4:44, Last Day on Earth', il regista spiega la sua apocalisse, cosa accade quando la fine del mondo è vicina. Infine, molte polemiche l'ha suscitato anche il documentario di Carlo A. Bachschmidt, regista di 'Black Block', presentato in Controcampo Italiano , che racconta le vicende del G8 di Genova.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019