Excite

John Travolta abbandona Scientology

Si dice che il dolore avvicini alla fede, ma non è ciò che è accaduto a John Travolta: dopo 34 anni, l'attore ha deciso di allontanarsi dalla chiesa di Scientology, probabilmente in seguito alla morte del figlio quindicenne Jett, scomparso lo scorso Capodanno.

L'attore di "Greese" è sempre stato uno dei rappresentanti più illustri della chiesa e, a differenza del collega Tom Cruise, sposò anche una donna appartenente al suo stesso credo, l'attrice Kelly Preston. Ma il grande dolore causato dalla perdita di Jett pare lo abbia allontanato dalla religione fondata da L. Ron Hubbard.

Jett, affetto da autismo e della malattia di Kawasaki che causa l’infiammazione delle arterie e dei nodi linfatici, spesso aveva attacchi epilettici: proprio una convulsione nella vasca da bagno che gli ha fatto perdere l’equilibrio ne ha causato la morte, facendogli battere la testa. Il ragazzo però aveva smesso di prendere il Depakote e gli altri farmaci anti-convulsivi, perché Scientology ritiene che queste malattie siano solo psicosomatiche.

Quindi John si era di recente avvicinato a terapie spirituali consigliate dagli adepti per curare la malattia mentale del figlio. Dopo la morte di quest'ultimo, l'attore non ha potuto nemmeno piangere apertamente Jett, poichè secondo Scientology il dolore è sintomo di debolezza che il fedele deve saper respingere. Questa sarebbe la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ha causato l'allontanamento di Travolta dal suo credo, ma già si vocifera che la chiesa non lo lascerà andare via tanto facilmente, perchè attori del suo calibro sono un'ottima pubblicità.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017