Excite

Isabella Ferrari racconta come non diventare una velina

Isabella Ferrari è una delle attrici più apprezzate del cinema italiano, ma la sua carriera poteva prendere una strada diversa, quella di una classica velina bella ma stupida. In attesa di terminare le riprese del film tratto dal libro di Ken Follet, "Nel bianco", si svela in un’intervista al settimanale A.

Le foto più belle di Isabella Ferrari

La scena di sesso con Nanni Moretti

Racconta del suo rapporto con il regista Renato De Maria: “Stiamo insieme da 13 anni. Ogni coppia ha la sua storia. Però, per racconti di vita vissuta, potrei quasi dichiararmi un’esperta. Ho una mia teoria. All’inizio di una relazione, nel periodo legato alla passione, l’uomo si prende un po’ della femminilità della moglie, e lei la mascolinità del marito. Così lei finisce per essere meno donna e lui meno uomo. È la fase simbiotica. Ma questo non può durare, perché a un certo punto lei vorrà mettere alla prova la mascolinità di lui”.

Svela come è adesso la sua vita: “Io sono così impaurita dalla vita, da tutto quello che ti può succedere, che cerco di stare centrata, cerco di darmi delle spiegazioni. In questo momento della vita desidero rispetto per la mia persona, quindi viene naturale. Ho meno paura a dire di no, nel privato e anche nel lavoro (suona il telefonino, guarda chi chiama: “No non ti rispondo, ecco questo è un bel no”). E poi è come mangiare biologico, come cercare di diventare meno consumisti. Forse troppi scioglimenti di matrimoni fanno parte del consumismo”.

Spiega anche come è riuscita ad uscire dal mondo delle veline: “Sono stata una ragazzina che ha iniziato con una sigla tv, non facevo praticamente niente se non mostrare la mia bellezza. Avevo il vento fra i capelli, ero appoggiata a un pianoforte, guardavo nel vuoto e mi lasciavo guardare. Quella che oggi si dice una velina. Per questo non trovo giusto demonizzare la bellezza. L’importante è però volere lasciare un segno, essere curiosi, imparare, guardare altrove. Adesso penso di essere stata fortunata, se non mi sono mai montata la testa lo devo alla mia famiglia, a come mi hanno cresciuta. Però sono partita grazie alla bellezza non al talento.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017