Excite

Gli Usa chiedono l'estradizione di Polanski

Un mese fa il regista Roman Polanski è stato arrestato a Zurigo per un caso di violenza sessuale risalente al '77, ai danni dell'allora 13enne Samantha Geimer: ad oggi dagli Stati Uniti giunge la richiesta di estradizione del cineasta, come annuncia il dipartimento svizzero della giustizia.

Leggi del caso "Blob", che in prima serata ha trasmesso l'intervista alla Geimer con riferimenti allo stupro

Il dipartimento di Giustizia svizzero ha dichiarato: "La domanda formale di estradizione si fonda su un mandato di arresto spiccato il primo febbraio 1978 dalla Superior Court of the State of California for the County of Los Angeles. Il giudice aveva emanato l'ordine di arresto, poiché quel giorno Polanski, contrariamente a quanto aveva assicurato, non si era presentato in tribunale".

La domanda di estradizione è stata presentata entro il termine di 40 giorni previsto dal rispettivo trattato bilaterale di estradizione: il premio Oscar si consulterà con i propri avvocati per decidere se appellarsi alla futura decisione. Se la Svizzera accoglierà la richiesta, Polanski potrebbe scontare una condanna fino a due anni.

A confermare l'ipotetica durata della pena è stato Folco Galli, portavoce del ministero della Giustizia di Berna, all'emittente Europe-1: "Polanski si è dichiarato colpevole di aver avuto rapporti sessuali con una minorenne nel 1977 - precisa Galli - e secondo la legge americana in vigore, la pena massima per questo reato è di due anni".

Foto da markrileymedia.com

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017