Excite

George Clooney "fa chiudere" un giornale iraniano: l'attore era in copertina con lo slogan "Je suis Charlie"

  • Twitter

Je suis Charlie è e sarà sicuramente lo slogan più ripetuto di questo 2015. La strage del 7 gennaio alla redazione della rivista parigina ha portato ad una grande movimentazione di piazza, sia della gente comune che di personaggi famosi dalla musica, dello spettacolo, del cinema. Tra loto c'è anche George Clooney, che da subito ha sostenuto la battaglia per la libertà di stampa e omaggiato i redattori di Charlie Hebdo. Proprio Clooney, suo malgrado, ha causato per questa sua presa di posizione la chiusura di un giornale in Iran.

Charlie Hebdo, le vignette più irriverenti del giornale

Un tribunale iraniano, infatti, ha deciso di censurare definitivamente la rivista The Mardom e-Emruz , facendole chiudere i battenti, proprio a causa di una copertina, definita dai giudici “oscena”, su cui campeggiava George Clooney ai Golden Globe.

A causare la “rabbia” delle autorità iraniane è stata non tanto la foto in sé, ma la palese opinione di George Clooney sui fatti di Parigi, resa ben evidente sia dalla spilla indossata dall'attore su cui campeggiava la scritta Je Suis Charlie, sia dal titolo I'm Charlie Too, che nonostante facesse riferimento all'opinione dell'attore, non del giornale, è stato considerato inaccettabile.

La presenza di quello slogan sulla copertina di un giornale in uno stato islamico non pteva essere accettata. Così, dopo la censura, il blocco del numero incriminato della rivista, per The Mardom e-Emruz è arrivata anche la saracinesca abbassata, con l'obbligo di cessare immediatamente le pubblicazioni. Una decisione difficile da comprendere, visto che nell'articolo nella rivista non esprimeva nessuna opinione a favore di Charlie hebdo e del punto di vista di Clooney. L'unico riferimento alla rivista satirica francese era la citazione del punto di vista di Clooney e quella piccola spilla visibile in copertina: tanto minuscola quanto inaccettabile per la cultura musulmana iraniana. Un gesto che fa rifletytere visto che, nonostante tutto, il governo dell'iran ha condannato pubblicamente la strage di Parigi. Ipocrisia o inevitabile gesto di rispetto verso i musulmani in Iran?

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017