Excite

Tony Curtis

Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse
Le foto più belle del celebre attore statunitense nato nel Bronx (quartiere nella estremità nord di New York City,) il 3 giugno 1925 in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1949 nella parte di un fatuo ballerino in "Doppio gioco" di Robert Siodmak. E' protagonista di pietre miliari della commedia come "A qualcuno piace caldo" in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o "Operazione sottoveste" con Cary Grant. Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri con drammatici. È infatti protagonista di film come "Il principe ladro" di Rudolph Matè, "Il figlio di Ali Babà" di Kurt Neumann e "Il mago Houdini" di George Marshall, "Furia e passione" di Joseph Pevney, "Trapezio" di Carol Reed, "Piombo rovente" di Alexander Mackendrick e "La parete di fango". In "Spartacus" di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne "I Vichinghi" di Richard Fleischer. Negli anni sessanta è un serial killer schizofrenico ne "Lo strangolatore di Boston". Nei primi anni settanta si dedica invece al piccolo schermo nel telefilm di successo "Attenti a quei due". Le sue ultime apparizioni di rilievo: "Gli ultimi fuochi" di Elia Kazan e "La signora in bianco" di Nicolas Roeg. Scompare il 29 settebre 2010 all'età di 85 anni a seguito di una lunga malattia.
© LaPresse

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017