Excite

Tiberio Murgia

Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news
Tiberio Murgia nasce ad Oristano il 5 febbraio 1929. Proveniente da una famiglia povera inizia a lavorare fin da giovanissimo come manovale, a venti anni è venditore ambulante de l'Unità per poi diventare segretario dei Giovani Comunisti. A causa di una relazione extraconiugale viene espulso dal PCI e si trasferisce in Belgio, dove lavorerà come minatore nella famoso carbonifero a Marcinelle, sfuggendo miracolosamente al disastro nel quale un'esplosione di gas uccise tutti i minatori del suo turno. Torna a Roma e viene notato da un'assistente del regista Mario Monicelli. Da li cominciano 40 anni di carriera cinematografica, interpretando quasi sempre il personaggio e con lui lo stereotipo caricaturale del siciliano geloso, nonostante fosse di origine sarde. E' famoso principalmente per il suo primo lavoro nei panni di Ferribotte nella pellicola del '58 di Mario Monicelli I soliti ignoti. Malato da molto tempo di Alzheimer è morto in una casa di cura per anziani a Tolfa il 20 agosto 2010. (foto: youtube.com).
Leggi la news

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017