Excite

Exciting Cut: tutti i film della settimana

Settimana fiacca cinematograficamente parlando: da segnalare principalmente i due film brasiliani in uscita che purtroppo non troveranno il giusto spazio nella distribuzione, impegnata con i grandi blockbuster americani, da Indiana Jones a Sex and the City. Peccato.

Tropa de elite: film vincitore del Festival di Berlino, è uno dei due film brasiliani in uscita oggi nelle nostre sale; la vicenda è tratta dal romanzo omonimo scritto, tra gli altri, da un antropologo e un ex ufficiale del BOPE, il corpo di polizia militare addestrata alla guerriglia urbana per combattere la criminalità nelle favelas di Rio de Janeiro, città perduta dove il male fa parte della quotidianità della vita. Alla violenza della società risponde infatti una polizia violenta, un mondo in cui non c'è posto per la speranza.

L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza: è il secondo film che ci racconta la realtà brasiliana, questa volta dal punto di vista degli oppositori politici costretti all'esilio. Protagonista della vicenda un bambino i cui genitori sono 'in vacanza'. Buona la capacità del regista di miscelare i toni della tragedia vissuta a quelli della commedia che caratterizzano il mondo dei piccoli protagonisti.

Quando tutto cambia: il premio Oscar Helen Hunt esordisce alla regia con una commedia tutta al femminile in cui affronta il tema del bisogno di maternità e di sicurezza. La protagonista infatti è una donna alla soglia dei quarant'anni la cui vita viene improvvisamente sconvolta da una serie di eventi: la morte della madre adottiva, l'abbandono da parte del marito, l'arrivo della vera madre...

Corazones de Mujeres: nonostante il titolo possa far pensare diversamente, questo è un film italiano indipendente. Racconta la storia di una ragazza araba in procinto di sposarsi, ma non più vergine. Intraprenderà, insieme al suo sarto, un viaggio in Marocco alla ricerca di un chirurgo per la ricostruzione dell'imene. Un road movie decisamente stravagante...

Chiamata senza risposta: remake del noto The Call del cineasta giapponese Takashi Miike del 2003 di cui non si sentiva certo esigenza di un remake. Purtroppo questa pellicola è un' altra delle evidenti dimostrazioni di quel crollo di creatività nel genere horror che da tempo non produce qualcosa di veramente interessante.
Un consiglio: guardatevi l'originale.

Bratz: film ispirato alla linea di bambole della MGA che qualche anno fa misero a dura prova l'impero della Mattel e di Barbie con il loro look trasgressivo e i vestitini trendy. Se andate non fatecelo sapere.


cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017