Excite

Exciting Cut: tutti i film della settimana

Eccoci al nostro consueto appuntamento delle uscite in sala, anticipate questa settimana a mercoledì in vista del ponte del 1° maggio in cui uscirà il primo dei grandi blockbuster americani che affolleranno la nostra estate: Iron Man.
Dal 30 aprile troveremo nelle sale:

Il treno per Darjeeling di Wes Anderson: una commedia che come protagonisti tre fratelli assolutamente fuori di testa alla scoperta del loro io attraverso un mistico viaggio in India.
Nel cast Adrien Brody, Owen Wilson e Jason Schwartzman ci condurranno attraverso questo road movie al maschile dalle coloratissime scenografie e dalla splendida colonna sonora anni '70.
Guarda le foto de Il treno per Darjeeling

Sopravvivere con i Lupi di Vera Belmont: film basato sulla biografia di Micha Defonseca la quale ha dichiarato di aver inventato tutto. La bambina rimasta orfana a causa del nazismo non esiste dunque, ma il film non perde la sua forza evocativa e la sua intensità drammatica.
Guarda la fotogallery

Saw IV di Darren Lynn Bousman: nel quarto episodio la catena di omicidi sarà causata dalle stesse vittime attraverso una serie di marchingegni infernali che trasformeranno i buoni in mostri. Ottimo successo negli Stati Uniti dove si sta già preparando il quinto episodio, da noi arriva con un po' di ritardo, ma siamo sicuri che avrà successo (ma solo al botteghino, ovviamente) come i tre precedenti episodi.

The Hunting Party di Richard Shepard: Richard Gere interpreta il ruolo del reporter che da solo si mette alla ricerca di un criminale di guerra nella Bosnia massacrata dal conflitto in cui la donna amata dallo stesso reporter rimane uccisa. Film dalla morale giustizialista tratto da un fatto di cronaca vera (nel 2000 tre reporter americani si misero sulle tracce del criminale di guerra Karadzic) dove però il movente della vendetta privata banalizza le motivazioni dell'impresa.
Notevole, come sempre, Richard Gere, affiancato da un bravo Terrence Howard.

Sotto le bombe di Phillippe Aractingi: ancora un film che parla di guerra, ma in modo completamente opposto a quella del blockbuster hollywoodiano di cui sopra. Il film del regista franco-libanese viene pensato al momento dello scoppio del conflitto nel 2006, il terzo conflitto armato tra israele e libano e realizzato in sincronia con l'evento traumatico, motivo che rende il film ricco dal punto di vista emotivo e creativo. Nonostante queste premesse Aractingi non punta mai il dito contro l'una o l'altra fazione, ma porta la macchina da presa tra quelle persone colpite dalla guerra secondo la migliore tradizione del neorealismo, in quei luoghi autentici integrando gli attori principali con i civili che interpretano loro stessi.

I racconti di Stoccolma di Anders Nilsson: il regista scandinavo narra la vicenda di tre donne musulmane vittime di padri, mariti e fratelli che ne vorrebbero condizionare le esistenze piegandole al loro volere, ma le tre donne non sono malleabili come le altre e impareranno a reagire ai soprusi.
Il regista riflette sul concetto di identità umana, identità che per le donne viene negata e definita solo in base a gerarchie familiari, di cui ovviamente occupano il gradino più basso o rappresentano un'appendice.

Buona visione a tutti.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017