Excite

Eva Mendes: "Non solo bellezza, anche cuore e cervello"

"La bellezza? Ti aiuta ad arrivare fino a un certo punto, ma per superare la soglia bisogna avere altri strumenti come un cuore e un cervello". Parola di Eva Mendes, sbarcata al Festival di Giffoni 2009, che da quest'anno ha cambiato il nome in Giffoni Experience.

Intervistata dal sito Tiscali, la splendida attrice trentacinquenne ha raccontato i suoi sogni e aspirazioni da bambina: "All'età di cinque anno volevo fare la suora e regalare una casa a mia madre, mia sorella però mi disse: 'Guarda che le suore non percepiscono stipendio', allora cambiai idea e cinque anni fa ho comprato la casa tanto sognata. Diciamo che mi è sempre piaciuto stare al centro dell'attenzione - prosegue - il modo migliore per esprimere questa attitudine era recitare, ho cercato un agente e poi ho iniziato a studiare".

Ad Eva piacerebbe collaborare con Pedro Almodòvar e interpretare il tenore Maria Callas: "Quando scelgo un copione - aggiunge - non prediligo un genere a un altro, guardo piuttosto chi lavora al progetto, il regista o gli attori. Quando ho condiviso il set con personaggi come Denzel Washington, Johnny Depp o Joaquin Phoenix sono cresciuta professionalmente, è un modo per migliorarsi".

La Mendes infine si definisce una ragazza normale, che nel tempo libero ascolta musica, va ai concerti, esce a cena con gli amici e trascorre del tempo con il cane Ugo. Prossimi progetti? "Ritorno al fianco di Nicolas Cage (dopo "Ghost Rider") in "Il cattivo tenente" di Werner Herzog, un genio, non si tratta di un remake del film di Abel Ferrara, sarà molto più dark e sono convinta che voi europei l'apprezzerete di più degli americani. Poi ho girato "Last Night", nel quale ho lavorato con Keira Knightley".

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017