Excite

E' polemica per il Cristo nero di La Marre

Per il momento è uscito solo nelle sale americane, ma Color of the Cross (Il colore della croce), è destinato a sollevare polemiche in tutto il mondo e in particolare nelle comunità religiose cristiane.

Scritto, diretto e interpretato da Jean-Claude La Marre, il film è l'ennesima trasposizione cinematografica delle ultime 48 ore di vita di Cristo. Con una sostanziale differenza però dall'ultimo sanguinoso di Mel Gibson (La Passione di Cristo), e da quello più umano di Martin Scorsese (L'ultima tentazione di Cristo). Quello di La Marre infatti, è un Cristo di colore.

Basandosi sull'interpretazione delle scritture così come su dati storici-filologici che sostengono che le origini di Cristo sono probabilmente africane, il regista ha voluto mettere l'accento su un altro possibile punto di vista.
Sul sito ufficiale si legge:
Ritraendo il personaggio come un Gesù ebreo e nero il film potrebbe risultare controverso. Ma l'opera vuole essere l'occasione per fornire un'immagine positiva a un leader nero. Il film si propone di toccare i cuori e le menti della comunità nera delle comunità cristiane sparse per il mondo, qualsiasi sia la loro etnia.

Oltre a essere presentato come il primo film che mostra un Cristo dalla pelle nera, 'Color Of The Cross' è anche il primo a suggerire che la corcifissione potesse essere motivata da questioni razziali.
Una tematica molto forte soprattutto nella società americana dove la ghettizzazione della gente di colore è sempre stata una questione scottante.

La Marre ha dichiarato che aspetta la "benedizione del Papa per questo film". Chissà se arriverà. Nell'attesa ecco le foto di scena e il trailer.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016