Excite

E' morto Giovanni Ventura, uno dei protagonisti degli anni di piombo

Giovanni Ventura, coinvolto nell'inchiesta sulla strage di Piazza Fontana del dicembre 1969, è morto lunedì a Buenos Aires, dove è stato sepolto. La notizia è stata confermata dalla sorella Mariangela in un'intervista a Il Gazzettino. La donna ha detto: 'Neanche ora lo lasciano tranquillo, eppure se n'erano dimenticati tutti. Purtroppo è vero. Giovanni Ventura è morto'.

L'uomo aveva 65 anni, viveva a Buenos Aires e da tre anni soffriva di una forma di distrofia muscolare progressiva che lo aveva costretto su una sedia a rotelle. A quanto pare negli ultimi tempi riusciva a muovere solo gli occhi. Giovanni Ventura, originario di Piombino Dese, era stato condannato e poi assolto con Franco Freda per la strage di Piazza Fontana a Milano ed era stato ritenuto responsabile per una lunga serie di bombe sui treni. Ventura era un editore neofascista e fu protagonista dagli anni Sessanta delle trame nere.

Ventura si era rifugiato in Argentina il 16 gennaio 1979 scappando da Catanzaro, dove aveva l'obbligo di risiedere durante uno dei vari gradi di giudizio. Nel Paese Sud Americano l'uomo si costruì una famiglia e continuò il suo lavoro come libraio, gestendo anche il ristorante-pizzeria 'il Filò'.

Laureato in Filosofia, Ventura aveva aderito ad Azione Cattolica e al Movimento sociale. Conobbe Freda militando nel movimento di estrema destra di ispirazione neonazista Ordine Nuovo.

Foto: repubblica.it

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017