Excite

Doppietta italiana, Palma d'Oro francese

Sean Penn l'aveva detto: voleva dei film che parlassero del presente e così è stato. Se la Palma d'Oro è andata infatti a Lauren Cantet, il regista francese che col suo Entre Les Murs racconta il delicato mondo dei giovani e della scuola attraverso un cast di veri studenti guidati da un vero professore, anche gli altri due massimi riconoscimenti, Gran Premio e Premio della Giuria, sono andati a due film che raccontano il presente: Gomorra di Matteo Garrone e Il Divo di Paolo Sorrentino.

Guarda le foto della premiazione

Ecco le parole di Matteo Garrone: "Sono contento di condividere questi momenti con Paolo, lo stimo molto. Facciamo un cinema diverso, ma la nostra visione del cinema è la stessa e abbiamo lo stesso gusto". Anche Sorrentino ricambia l'affetto e la stima: "I nostri film sono complementari, possono aiutare a spiegare qualcosa del nostro paese che altrimenti sembra inspiegabile".

Leggi tutte le news su Cannes

G
rande, grandissima soddisfazione la esprime anche Toni Servillo, interprete di entrambi i film che afferma: "Sono due registi di una simpatia straordinaria. I film sono seri, ma sul set si rideva e ci si divertiva. La differenza? Paolo ha già il film in testa, arriva sul set con le sequenze già disegnate nella mente. Matteo invece sa quello che vuole, ma cerca anche l'attimo, l'occasione del momento. Ma entrambi sono eccezionali "facitori" di immagini - e prosegue - Non ho mai pensato di vincere come attore, è molto più importante che abbiano vinto i film, è importante per tutto il cinema italiano".

Grande gioia dunque per il cinema del nostro paese che pur non arrivando alla Palma porta a casa un doppio riconoscimento che fino allo scorso anno su questa stessa passerella sarebbe stato impensabile. Solo un anno fa infatti Sergio Castellitto, durante la sua lezione di cinema (consueto appuntamento cannese) si trovava a dover rispondere ad attacchi duri sul perché i film italiani fossero spariti dai festival. Ieri, quello stesso Sergio Castellitto si trovava a scherzare così con i giornalisti: "Sono felice di queste vittorie e a chi mi dice ancora che il cinema italiano è morto... lo condanno ad una vacanza in Costa Azzurra! - e prosegue a raccontare sul suo lavoro di giurato - Non è stato un lavoro difficile, perché i due film sono sempre stati tra quelli da prendere in considerazione. Il modo un po' bizzarro che avevano i colleghi di dimostrarmi simpatia era che quando entravo tutti ridevano e mi chiamavano 'il mafioso'".

Belle anche le parole di Sean Penn, presidente della Giuria che ha detto: "Quello che ho apprezzato dei film italiani è stato la loro forza travolgente e la loro autenticità; entrambi usano un linguaggio cinematografico straordinario e fanno considerazioni molto forti di come funzionano il mondo e i governi. Il messaggio di Gomorra resterà a lungo, per quanto riguarda Il divo sono stato molto felice di vedere un linguaggio di grande dinamismo. Ho apprezzato il coraggio, l'umorismo e l'energia di questo film".

Di seguito tutti i premi
Palma d'Oro al miglior film: Entre les murs di Laurent Cantet
Gran Premio della Giuria: Gomorra di Matteo Garrone
Premio della giuria: Il Divo di Paolo Sorrentino
Miglior attrice: Sandra Corveloni per Linha de passe
Miglior attore: Benicio Del Toro per Che
Miglior regista: Nuri Bilge Ceylan per Üç Maymun
Miglior sceneggiatura: Le silence de Lorna di Luc Dardenne e Jean-Pierre Dardenne

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017