Excite

Daniele Luchetti: il suo nuovo film sarà "Anche i ricchi sevono" ispirato a Berlusconi ai servizi sociali

  • Getty Images

Daniele Luchetti torna dietro alla macchina da presa con un nuovo film legato al mondo della politica, tema congeniale alla poetica del regista romano dai tempi de "Il portaborse", uscito in sala nel 1991. Si tratta di una commedia intitolata Anche i ricchi servono, ispirata alla vicenda che ha visto protagonista l'ex premier Silvio Berlusconi, condannato in via definitiva ai servizi sociali per frode fiscale, falso in bilancio e appropriazione indebita. Lo stesso regista ha annunciato il prossimo progetto rivelandone alcuni dettagli in un'intervista su LaRepubblica: Sarà una commedia. Della vicenda Berlusconi all'ospizio colpisce l'idea che qualcuno condannato in via definitiva abbia come pena l'essere obbligato a intraprendere un rapporto umano. [...] Quando ho fatto "Il Portaborse" hanno paragonato il politico Nanni Moretti a Martelli, De Michelis, Craxi. Quel personaggio colpiva proprio perché li riassumeva tutti, senza essere nessuno di loro. Vorrei fare lo stesso in questo film.

Guarda i fotomontaggi satirici di Berlusconi ai servizi sociali

"Anche i ricchi servono", come già avveniva per "Il portaborse", è un film che prende semplicemnte spunto dallo stato attuale delle cose, senza fornire alcuno stereotipo o maschera "berlusconiana". Come afferma Luchetti stesso, "Ancora una volta Berlusconi offre spunti per una bella storia da cui però sarà escluso", soffermandosi sul lato ironico e grottesco dell'intera situazione. Dopo aver lavorato come assistente alla regia per diverse produzioni minori, italiane e non, Daniele Luchetti debutta alla regia nel 1988 con Domani accadrà, che gli vale il David di Donatello per il miglior film esordiente. Il portaborse, un'analisi critica dei controversi meccanismi politici contemporanei, si è aggiudicato il David di Donatello come migliore sceneggiatura, miglior produttore, migliore interprete e migliore attrice non protagonista, nonché il Ciak d'oro come miglior film, migliore regia, migliore sceneggiatura.

Regista di numerosi spot pubblicitari, Daniele Luchetti ha partecipato anche in veste di attore a diverse pellicole, tra cui Bianca e La messa è finita di Nanni Moretti, lavori per cui ha anche ottenuto l'incarico di assistente e aiuto alla regia, e Magnifica presenza per la regia di Ferzan Özpetek. Uno dei suoi ultimi lavori da regista è stato Mio fratello è figlio unico, con interpreti principali Riccardo Scamarcio ed Elio Germano. L'inizio delle riprese per "Anche i ricchi servono", con il supporto produttivo della Cattleya, è fissato per il prossimo ottobre. Intanto Luchetti si sta occupando della sceneggiatura, per un lavoro a quattro mani con Giulia Calenda. Infine, pare che sia in cantiere l'idea di realizzare una pellicola biografica su Papa Francesco I, seguendo l'esempio avviato di recente da Miguel Rodriguez Arias e Fulvio Iannucci, registi del docu-film Francesco da Buenos Aires - La rivoluzione dell'uguaglianza.

Guarda due scene di "Il portaborse"

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017