Excite

Confetti e risate a Roma con "Oggi sposi"

 di Marta Marrucco

Un cast affollato da fare invidia a un cinepanettone, quello di "Oggi sposi", commedia diretta da Luca Lucini: il regista, accompagnato dalla folta compagnia di attori, ha presentato oggi la pellicola al Festival di Roma, in attesa dell'uscita nelle sale il prossimo 23 ottobre.

La storia ruota intorno ai matrimoni di quattro coppie: un poliziotto pugliese e la figlia dell'ambasciatore indiano (Luca Argentero e Moran Atias), che non riescono a far legare le rispettive famiglie e le loro tradizioni; un magistrato goffo e impacciato che si innamora della futura sposa del padre (Filippo Nigro e Carolina Crescentini, affiancati dal grande Renato Pozzetto); un cuoco e una cameriera precari (Dario Bandiera e Isabella Ragonese) che aspettano un figlio ma non hanno soldi per organizzare un matrimonio; un magnate e una soubrette televisiva (Francesco Montanari e Gabriella Pession), che organizzano una cerimonia in grande stile per attirare l'attenzione dei media.

La sceneggiatura è scritta a quattro mani da Fausto Brizzi e Marco Martani, giovani talenti che negli ultimi anni stanno ravvivando il panorama della commedia italiana. Donne dello spettacolo vuote e arriviste, uomini corrotti, magistrati sospettosi, pregiudizi raziali e precariato: luoghi comuni dell'Italia odierna che susciatano risate, ma non bastano dialoghi divertenti e gli episodi ben incastrati fra loro. "Oggi sposi" spesso risulta sopra le righe, e nonostante ci si abitui alle interpretazioni caricaturali degli attori nel corso del film, manca la sostanza per definire la commedia riuscita.

"Al film hanno partecipato attori della nuova generazione: la nostra volonta è un ritorno alla commedia degli anni '60, ricche di personaggi sopra le righe ma che non risultavano macchiette grazie alla loro bravura" si difende Lucini in conferenza. Gli fa eco Brizzi: "A quell'epoca, come in questo caso, c'era un interscambio tra gli autori: per noi partecipare a un progetto come sceneggiatori è come essere in vacanza, ci divertiamo tantissimo".

Argentero ha già collaborato con Lucini in "Come un padre": "Se potessi firmerei un contratto a vita con lui" scherza l'attore, che come compagno di set ha avuto un esilarante Michele Placido (suo padre nel film), il quale lo aveva diretto in "Il grande sogno": "A un certo punto della storia lo mando a quel paese: non vedevo l'ora, è stato catartico!".

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017