Excite

Claudio Caligari, morto il regista di "Amore Tossico": il suo ultimo film in uscita nel 2015

  • Facebook Non Essere Cattivo

Il regista Claudio Caligari è morto a Roma il 26 maggio 2015, il destino ha voluto che dopo anni avesse appena finito di girare il suo ultimo film “Non essere cattivo” in programma per il 2015. Anche l'ultima pellicola di Caligari trattava un argomento delicato, come del resto hanno fatto le produzioni di tutta la sua carriera. In quest'ultima pellicola il regista racconta la storia di due uomini tra la periferia romana e la Ostia degli anni novanta. Protagonisti Luca Marinelli e alessandro Borghi, il film è stato prodotto da Valerio Mastrandrea e nel cast ci sono anche Silvia d'Amico e Roberta Mattei.

Francesco Rosi: morto il regista che raccontò nei suoi film la guerra e il malaffare italiano

Per l'ultima fatica cinematografica di Claudi Caligari, Valerio Mastrandrea aveva anche scritto una lettera aperta a Martin Scorsese dove esaltava le doti del regista che è sempre rimasto alla periferia del cinema italiano. Nelle parole di Mastrandrea si legge la grande stima che Caligari aveva generato in lui: “Caro Martino, Ti scrivo per una ragione semplice. Tu ami profondamente il Cinema. In Italia c'è un Regista che ama il Cinema quanto te. Forse anche più di te. Certo non basta amarlo per farlo bene, il Cinema, ma questo signore prossimo ai 70 ha avuto poche opportunità per dimostrare il suo valore. Quando le ha avute, lo ha fatto”. Mastrandrea nella lettera spiega: “Ti scrivo perché, dopo tanti anni di “resistenza umana” alla vita, a questo mestiere e alle sue dinamiche, questo signore ha avuto il coraggio di scrivere un nuovo copione, e di provare a girare un nuovo film” ed aggiunge “Attorno a questo film si è creata un'atmosfera molto rara. In tanti lo vogliono fare per rispetto di questo signore e del più alto senso del Cinema e di chi vive per il Cinema”.

La carriera registica di Claudio Caligari è molto breve quanto incisiva. Le sue prime produzioni sono stati dei documentari, dopo i quali arriva a uno dei film cult degli anni ottanta, “Amore Tossico”, che narra la storia della dipendenza dall'eroina attraverso le voci e la recitazione di reali eroinomani dell'epoca ed ex tossicodipendenti, rendendo anche questo film una sorta di documentario facendo emergere la triste realtà di una piaga che ha afflitto e tutt'oggi affligge la nostra società.

Fino a quest'anno la filmografia di Claudio Caligari era ancora a numero due film, con “Amore Tossico” e “L'odore della notte”, uscito nel 1998 e ambientato negli anni settanta con Valerio Mastrandrea nel ruolo del protagonista malvivente Remo Guerra, rapinatore dei ricchi che entra in una crisi esistenziale per le forti contraddizioni che la società gli mette di fronte. Le tematiche più care al cinema di Caligari tornano quindi con “Non essere cattivo” del 2015, di cui le riprese si erano appena concluse e il cui futuro è ancora incerto ora che il suo padre spirituale e creativo è morto senza poter vedere il possibile successo della sua ultima opera.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017