Excite

Castellitto clown del cinema francese

Una conferenza di poche parole quella di "Questione di punti di vista", pellicola presentata stamane al Festival di Venezia: il regista francese Jacques Rivette è stato poco loquace, e non sono bastati gli interventi dei protagonisti Sergio Castellitto e Jane Birkin ad appagare la curiosità dei giornalisti.

L'insofferenza di Rivette era forse dovuta ai tempi stretti da rispettare in sala o alla reazione piuttosto fredda da parte della stampa dopo la proiezione: nel film, il cui titolo originale è "36 Vues du Pic Saint Loup", Vittorio (Castellitto) è un italiano in viaggio per la Francia, che fa la conoscenza di alcuni artisti circensi. In particolar modo resta colpito da Kate (Birkin), che vive nel dolore e nel senso di colpa da 15 anni in seguito ad un perdita. Vittorio cercherà di guarirla.

"Il mio - ha spiegato Castellitto, come riporta Il Giornale - è un personaggio tipo della drammaturgia. Non si sa da dove viene né dove va. Quindi è il presupposto di ogni narrazione. Inciampando negli altri apre nuove possibilità. Io ho passato la mia vita a pensare che l'attore mette la verità nella finzione. Rivette mi ha insegnato il contrario. Mi disse - aggiunge - che avrei dovuto recitare un manager che diventa clown: e forse in questo periodo alcuni manager clown lo sono diventati davvero".

La Birkin, musa di Serge Gainsbourg che non ha ceduto alla tentazione del bisturi, punta i riflettori sul collega, indicandolo come protagonista della pellicola: "Un redentore, un uomo che con grande curiosità, e leggerezza, riesce a salvare il mondo".

Del film poi aggiunge: "E' pieno di mistero, di magia, di qualcosa di indefinito: è questa la sua bellezza". Il regista Rivette ha aggiunto un breve commento: "Il circo è l'ultimo luogo di verità: è questo che io, Sergio, Jane e gli sceneggiatori volevamo dire".

Guarda il trailer di "Questione di punti di vista"

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017