Excite

Capitan Harlock 3D, la recensione in anteprima: grafica mozzafiato per la rivisitazione di una leggenda

  • Facebook ufficiale

di Valentina Gianfermo

Dopo una sanguinosa lotta per il diritto alla Terra il pianeta viene dichiarato inviolabile, trasformato in un santuario protetto dalla Coalizione Gaia, un'oligarchia dei principali rappresentanti delle fazioni in lotta. La nostra storia inizia nell'anno 2977, 500 miliardi di esseri umani sono dispersi nell'universo sognando il ritorno alla loro madre Terra. Un unico uomo, un pirata chiamato Capitan Harlock, la cui leggenda riecheggia nell'universo intero, con la sua nave Arcadia si oppone alla corrotta Coalizione Gaia. Il capo della flotta armata della coalizione manda allora suo fratello minore Logan come infiltrato sull'Arcadia per uccidere il pirata. Logan scoprirà presto che la realtà non è sempre quella che sembra. Inizia così una conflitto su più piani che studia e analizza le varie sfaccettature dell'essere umano, portando avanti una critica costruttiva sul comportamento dell'umanità tutta e ponendo l'accento sul concetto di vita – morte e rinascita.

Vedi le foto di Capitan Harlock 3D

Capitan Harlock è stato il simbolo di una generazione, la creatura di Leiji Matsumoto torna dal 1 Gennaio sugli schermi di tutto il mondo a farsi conoscere e riconoscere, aprendo una nuova era anche per il mercato dell'animazione giapponese. Infatti la Toei Animation vuole far riscoprire la cultura giapponese e mostrare che possono competere a livello mondiale in questo campo appannaggio degli Stati Uniti. Harlock diventa quindi un doppio simbolo in questo film di animazione in 3D: viene rivisto il personaggio per poterlo rendere un eroe dei tempi moderni ricco di significato e veicolo di un profondo messaggio esistenziale, mentre dall'altro lato si introducono tecniche di Hollywood per tarare il così detto mercato degli OAV (Original Anime Video) ad un nuovo livello più occidentalizzato e quindi fruibile da un maggiore pubblico.

Il risultato è certamente spettacolare. Grazie all'Arnold Render e all'uso del Facial Capture, Capitan Harlock 3D si scosta dai film di animazione giapponese a cui il pubblico cultore è abituato. Naturalmente i combattimenti spaziali, di cui diventa unica e imperiale protagonista l'Arcadia, la nave stellare di Capitan Harlock alimentata a materia oscura, sono il fulcro vivo dell'animazione e della regia rendendo sì le atmosfere tipiche della creazione di Matsumoto, ma creando effetti che il vecchio Harlock non avrebbe potuto immaginare. I combattimenti hanno il tipico gusto hollywoodiano con cannoni spaziali e salti a velocità iper luce, mentre le tattiche di manovra tipiche dei vascelli e gli abbordaggi della pirateria donano un gusto steampunk all'intera pellicola richiamando le suggestioni della serie originale.

Non solo a livello di tecnica ma anche la sceneggiatura del film cerca di portare una ventata di aria nuova. Il personaggio di Harlock in questa pellicola diventa un vero e proprio simbolo. Si discosta da quello a cui molti sono abituati e affezionati, i quali potrebbero storcere la bocca, ma non perde di incisività o di fascino. Troviamo un Harlock più maturo, un personaggio che diventa vero e proprio rappresentante di un messaggio globale e, sì più introspettivo, ma anche più significativo ed evocativo. I personaggi diventano funzionali al messaggio, non snaturati, ma rivisitati brevemente. Questo film si autodefinisce, in pratica è prequel e sequel, funziona sia per i vecchi fan così come per i nuovi che impareranno ad amarlo. Un equilibrio tra nuovo e vecchio, un passaggio necessario ma pieno di speranza. Supera a pieni voti la prova sfatando le critiche.

Vedi il trailer del film Capitan Harlock 3D

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017