Excite

Cannes: maratona per il Che

Sono stati applausi lunghi e sentiti quelli che hanno accolto la proiezione di Che il doppio lungometraggio che Steven Soderbergh ha realizzato su una delle personalità rivoluzionarie più influenti del XX secolo, Che Guevara.

Guarda il red carpet per il film Che

A far rivivere sullo schermo il Che è riuscito magistralmente il grande attore latinoamericano, Benicio Del Toro, il quale è riuscito a riprodurre espressioni e movimenti del Che, anche grazie ad uno studio approfondito della sua figura.

Guarda Benicio del Toro nel film Che

L'opera, o forse dovremmo dire "maratona" data la durata di 4 ore e 28 minuti, costata a Soderbergh sette anni di lavoro e consulenze infinite, si compone di due parti: la prima, The Argentine, è dedicata alla prima fase di vita rivoluzionaria del Che, alla sua conoscenza con Fidel Castro e al coinvolgimento nella rivoluzione cubana che si concluse con la cacciata del dittatore filo-americano Fulgencio Batista il 1° di gennaio 1959; la seconda Guerrilla, racconta il tentativo di esportare la rivoluzione in Bolivia, secondo un progetto rivoluzionario che avrebbe coinvolto tutta la "Maiuscula America" e che invece si risolse con la cattura e assassinio del Che e dei suoi compagni.

Soderbergh restituisce un ritratto fedele del Che mescolando stile documentaristico e finzione, immagini a colori e in bianco e nero con un montaggio impeccabile, impreziosito dalle musiche di Alberto Iglesias che accompagnano la narrazione.

In sala molti gli ospiti importanti, da Madonna a Sharon Stone che hanno brillato sul red carpet rubando quasi i fotografi al cast del film, Maradona, Emir Kusturica, Mike Tyson e molti altri.

In Italia il film uscirà il prossimo autunno-inverno in due diversi momenti, distribuito dalla Bim.

Ma ieri è stata anche la giornata delle onorificenze: a Cannes a Nicola Piovani è stato conferito il Cavalierato francese dell'Ordine delle arti e delle lettere. Ha invece lasciato la Croisette ed è partito per Parigi Steven Spielberg che ha ricevuto all'Eliseo, dal presidente Nicolas Sarkozy, le insegne di Ufficiale della Legione d'Onore.

Nella Quinzaine des Réalisateurs, Il resto della notte di Francesco Munzi, film che tratta un tema decisamente "caldo" in Italia, e cioè la diffidenza razziale attraverso la vicenda della moglie di un industriale di provincia e della sua domestica romena interpretate rispettivamente da Sandra Ceccarelli e Laura Vasiliu, l'attrice romena protagonista lo scorso anno di 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni di Cristian Mungiu, premiato con la Palma d'Oro.

A far rivivere sullo schermo il Che è riuscito magistralmente il grande attore latinoamericano, Benicio Del Toro, il quale è riuscito a riprodurre espressioni e movimenti del Che, anche grazie ad uno studio approfondito della sua figura.

L'opera, o forse dovremmo dire "maratona" data la durata di 4 ore e 28 minuti, costata a Soderbergh sette anni di lavoro e consulenze infinite, si compone di due parti: la prima, The Argentine, è dedicata alla prima fase di vita rivoluzionaria del Che, alla sua conoscenza con Fidel Castro e al coinvolgimento nella rivoluzione cubana che si concluse con la cacciata del dittatore filo-americano Fulgencio Batista il 1° di gennaio 1959; la seconda Guerrilla, racconta il tentativo di esportare la rivoluzione in Bolivia, secondo un progetto rivoluzionario che avrebbe coinvolto tutta la "Maiuscula America" e che invece si risolse con la cattura e assassinio del Che e dei suoi compagni.

Soderbergh restituisce un ritratto fedele del Che mescolando stile documentaristico e finzione, immagini a colori e in bianco e nero con un montaggio impeccabile, impreziosito dalle musiche di Alberto Iglesias che accompagnano la narrazione.

In sala molti gli ospiti importanti, da Madonna a Sharon Stone che hanno brillato sul red carpet rubando quasi i fotografi al cast del film, Maradona, Emir Kusturica, Mike Tyson e molti altri.

In Italia il film uscirà il prossimo autunno-inverno in due diversi momenti, distribuito dalla Bim.

Ma ieri è stata anche la giornata delle onorificenze: a Cannes a Nicola Piovani è stato conferito il Cavalierato francese dell'Ordine delle arti e delle lettere. Ha invece lasciato la Croisette ed è partito per Parigi Steven Spielberg che ha ricevuto all'Eliseo, dal presidente Nicolas Sarkozy, le insegne di Ufficiale della Legione d'Onore.

Nella Quinzaine des Réalisateurs, Il resto della notte di Francesco Munzi, film che tratta un tema decisamente "caldo" in Italia, e cioè la diffidenza razziale attraverso la vicenda della moglie di un industriale di provincia e della sua domestica romena interpretate rispettivamente da Sandra Ceccarelli e Laura Vasiliu, l'attrice romena protagonista lo scorso anno di 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni di Cristian Mungiu, premiato con la Palma d'Oro.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017