Excite

Bryan Singer, molestie sessuali: l'avvocato dell'accusatore è stato sospeso per condotta disonesta

  • Getty Images

Le ultime notizie che hanno portato Bryan Singer sul banco degli imputati con l'accusa di abusi sessuali su un ragazzo minorenne, riportano alle luce un vecchio caso che vedeva coinvolto Jeff Herman, avvocato dell'accusatore Michael Egan, oggi 31enne e, secondo le dichiarazioni, vittima stessa degli oltraggi subiti dal regista della saga di X-Men.

Leggi l'articolo su Bryan Singer accusato di molestie sessuali

Dopo la conferenza stampa in cui lo stesso Egan aveva confermato le molestie subite da parte di Singer quando, nel 1998, il ragazzo veniva avvicinato e raggirato con la promessa di una scintillante carriera in cambio di favori sessuali, diverse testate americane riportano in esclusiva la news della sospensione di Herman da parte della Corte Suprema della Florida, iniziata nel 2009 e durata 18 mesi, per condotta disonesta e azioni commesse ai danni di un suo stesso cliente. Gli aggiornamenti riportati dall'Hollywood Reporter, infatti, fanno luce su fatti di vecchia data che vedrebbero Herman coinvolto in una società con interessi avversi a quelli della parte difesa dall'avvocato. La sospensione cui, ai tempi, andò incontro Herman, è una delle più dure proprio perché, al di là del colpo basso alla reputazione dell'uomo, avrebbe potuto condurre ad una radiazione dall'albo.

Una volta persa la causa contro il suo stesso cliente, la sentenza della Corte mirava a punire la condotta dell'avvocato per la violazione dell'etica professionale con una sospensione di 90 giorni, estesa poi ai definitivi 18 mesi, nonostante si trattasse di una pena inferiore ai 2 anni previsti dalla legge dello Stato della Florida.

Negli ultimi giorni, l'avvocato aveva preso le difese di Michael Egan, seguendone la causa ai danni di diversi volti di Hollywood, tra cui anche lo stesso Bryan Singer, rivelando scottanti accuse per abusi sessuali che vedono coinvolte numerose celebrità del mondo dell'intrattenimento. Intervistato dall'Hollywood Reporter sulle possibilità di una lesione alla propria reputazione, Herman si è difeso sostenendo: "Questo caso di abusi sessuali non è contro di me. Questo è quello che è. All'epoca ho pensato che quell'investimento fosse legittimo da fare".

Guarda una scena di X-Men: L'inizio

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017