Excite

"Benvenuto Presidente": Claudio Bisio su politica e Grillo alla presentazione del film

  • Getty Images

Ci sono film che beneficiano di particolari congiunzioni astrali. Uno di questi è sicuramente Benvenuto Presidente di Riccardo Milani che arriverà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 21 marzo. Il film, che ha come protagonisti Claudio Bisio e Kasia Smutniak, è stato pensato circa tre anni fa quando ancora non c’era stato il boom dell’antipolitica, del Movimento Cinque Stelle e dell’impegno della gente normale in politica.

La storia sembrava surreale ma è di scottante attualità. Giuseppe Garibaldi, questo è il nome del personaggio interpretato da Claudio Bisio, si ritrova Presidente della Repubblica in seguito al solito pasticcio dei politici. Giuseppe Garibaldi arriva dalle montagne ed è una persona onesta e riserverà più di una sorpresa ai politici che pensavano di poterlo controllare agilmente.

Guarda le foto di Kasia Smutniak

Al suo fianco ci sarà Kasia Smutniak che interpreta un vice segretario alla Presidenza della Repubblica molto austero anche se con un’anima hippy che il buon Garibaldi saprà tirar fuori. Il cast è completato da Beppe Fiorello, Massimo Popolizio e altri ottimi attori.

Claudio Bisio, alla presentazione avvenuta al cinema Adriano a Roma, ha dichiarato, “La prima volta me ne parlarono tre anni fa, quando Grillo era ancora un collega. Avevo un po’ di paura della responsabilità di interpretare un Presidente, seppur di fantasia. L’età c’era, purtroppo, basta avere 50 anni. Abbiamo voluto raccontare la più grande istituzione italiana con l’irriverenza di una storia fra la favola e la farsa”.

Gli ha fatto eco Riccardo Milani che ha spiegato quale era la sua intenzione, “Il film cerca di uscire dal Parlamento. Il marcio è anche fuori, nei perversi meccanismi economici, nelle abitudini della vita comune come saltare le file o parcheggiare la macchina in divieto di sosta, in quella furbizia di cui siamo un po’ orgogliosi, che quasi ci gratifica. Tanta gente nella corruzione sta bene e ci vive. Guardando al passato la commedia all’italiana per me è stata un libro di storia che mi ha aiutato a conoscere il Paese e credo che il cinema e la commedia debba fare questo: divertire, ma non nascondere vizi e lacerazioni”.

                   

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017