Excite

Antonio Banderas sarà Picasso e Gianni Versace sul grande schermo

  • Twitter @antoniobanderas

Nuovi progetti per l’attore Antonio Banderas che ospite alla 13esima edizione di Ischia Global Film & Music fest, insignito del “Legend Award”, ha rivelato anticipazioni sui propri piani di lavoro che lo vedranno ancora al cinema in ruoli decisamente interessanti.

Guarda tutti i partecipanti all'Ischia Global Film & Music fest

Legato ancora per due anni dal contratto con la Mulino Bianco, Banderas si è detto molto divertito dall’imitazione di Maurizio Crozza che si prende gioco con ironia del suo ruolo di fattore, tra galline e biscotti "inzupposi" dimostrando gran senso dell’umorismo.

Abituati quindi a questa nuova veste di Antonio Banderas, dovremmo presto ricrederci poiché l’attore non ha assoluta intenzione di dire addio al cinema, anzi, sta lavorando a due progetti che lo vedranno molto impegnato per due ruoli davvero importanti e complessi riguardanti lo stilista Gianni Versace e successivamente il pittore Pablo Picasso.

(Guarda il video dell'imitazione di Banderas fatta da Maurizio Crozza)

Dunque due biopic sono i progetti dell’attore ispanico, che si è detto davvero entusiasta di poter confrontarsi con personaggi così illustri. “Interpretare Versace sarà fantastico - ha dichiarato Antonio Banderas - è un personaggio così speciale. Le riprese partiranno a marzo, stiamo finendo la sceneggiatura. Quella di Versace è una storia pazzesca, pensando da dove è partito, ma anche a quella fine orrenda. Con Picasso dovremmo partire l'anno prossimo, le difficoltà sono state molte. Sono molto felice di interpretare il pittore, è anche curioso che sia nato poco distante da casa mia. Nel film racconteremo i 33 giorni in cui Picasso ha dipinto Guernica”.

Affermando di avere molto a cuore le sue radici mediterranee per quanto ormai impiantato negli Usa, Antonio Banderas ha espresso il desiderio di lavorare con Paolo Sorrentino e Giuseppe Tornatore e si è detto comunque felice della sua entusiasmante carriera oltreoceano. “Sento insieme ad altri di aver fatto parte di una piccola rivoluzione. Sono arrivato in America quando la comunità ispanica non aveva quasi rappresentanza, e a noi attribuivano solo ruoli da cattivo. Penso a Mambo Kings, il mio primo film americano. Ma cinque anni dopo ero Zorro, e il cattivo era biondo e con gli occhi azzurri. Poi c'è stato "Il gatto con gli stivali" che aveva un accento spagnolo, e il cattivo invece la voce di Billy Bob Thorton. Con Javier Bardem, Penelope Cruz, e poi registi come Alejandro Gonzales Inarritu, Alfonso Cuaron non ci sono più stereotipi” ha dichiarato l'attore con grande orgoglio nei riguardi delle sue origini.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017