Excite

Anteprima di "Avatar" a Roma

Cresce l'attesa in Italia per il kolossal di James Cameron: "Avatar" sarà nelle nostre sale tra cinque giorni. Intanto la pellicola, dopo aver sbaragliato il box office Usa e dopo aver convinto la critica internazionale, riceve consensi anche dalla stampa nostrana che ha visto il film due giorni fa in anteprima.

Michele Serra di Repubblica lo definisce "un magnifico polpettone ecologista e anti imperialista" e aggiunge: "Chi vede nella tecnologia un fattore di disumanizzazione, e teme che la geometrica potenza degli effetti speciali sfratti dallo schermo la semplicità dei sentimenti, vada a vedere 'Avatar', e ci porti tranquillamente anche i bambini. Se Avatar ha un difetto non è certo la lussuria ottica. E' il moralismo da fiaba edificante".

La storia dell'ex marine Jake Sully, infiltrato per conto dell'esercito Usa tra gli abitanti del pianeta Pandora grazie ad un avatar ma in realtà costretto su una sedia a rotelle, ha convinto anche Michel Maffesoli del Giornale: "Dolce follia? Sfrenato irrazionalismo? Innocuo capriccio? I quesiti sono tanti. Di certo c'è, dopo altre pellicole analoghe, l'uscita di 'Avatar', fenomeno innegabile, segno del nuovo spirito del tempo. Le cifre parlano".

Non mancano però critiche negative dai cineasti più conservatori, quella ad esempio dell'Osservatore Romano. Il quotidiano del Vaticano scrive: "Tanta stupefacente tecnologia da incantare, ma poche emozioni vere, emozioni umane per intendersi, in un mondo di alieni pur eccezionalmente immaginato e rappresentato. La rilevanza del film sta nell'impatto visivo più che nella storia, (...) tutto si riduce a una parabola antimperialista e antimilitarista facile facile".

Sfilata di vip italiani sul blu carpet, in tono con il colore predominante del film nonchè della pelle dei protagonisti Navi: tra coloro in sala Paolo Bonolis, Massimo Ciavarro, Dario Argento, Zero Assoluto, Francesco Facchinetti, Giuliana De Sio, Sergio Castellitto, Massimo Ghini e Gabriele Salvatores. Invitati anche loro a commentare il contrasto tra effetti e contenuto nel film, Bonolis ha ammesso: "Il fatto che il film abbia incassato tanto non significa nulla: non può essere questo il mezzo di valutazione".

Guarda i vip italiani presenti in sala

"Le tecnologie non sono né buone né cattive, sono uno strumento. Tutto dipende da chi le usa e come: ci vogliono delle buone idee" ha commentato Salvatores, mentre Argento ha semplicemente detto: "Sono ancora frastornato. È un bel film".

Foto da static.screenweek.it

Guarda il trailer di "Avatar"

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017