Excite

Angelina Jolie è stata coinvolta in un incidente d'auto mortale a Los Angeles, le sue condizioni

  • @Getty Images

Angelina Jolie è rimasta coinvolta in un'incidente d'auto mortale mentre tornava dalla proiezione di “Unbroken” a Los Angeles. Al volante dell'auto c'era l'autista che stava riportando l'attrice a casa e diversi testimoni oculari hanno riportato la dinamica dell'incidente che, incredibilmente, ha lasciato i due passeggeri illesi. La prima causa dell'incidente è stata addotta alla pioggia, anche se non c'è stato nessun comunicato della polizia a riguardo.

Angelina Jolie sarà la regista di “Africa”, il film scritto da dal premio Oscar Eric Roth

L'incidente che ha coinvolto Angelina Jolie è avvenuto poco prima delle 19:00, a causa della pioggia il conducente ha perso il controllo della macchina, che è andata a sbattere a una velocità piuttosto significativa contro il marciapiede. Durante l'impatto sono esplosi due pneumatici dell'auto, facendo rischiare il capovolgimento della vettura. Fortunatamente però l'auto è rimasta in piedi e Angelia e l'autista sono usciti senza problemi, l'attrice ha poi atteso un'altra auto a noleggio per tornare a casa.

Tanta paura per Angelina Jolie ma niente di rotto, il SUV che la stava scortando ha retto bene all'impatto e, uno dei testimoni oculari dell'incidente, ha dichiarato a X17 Online che, vista la dinamica dell'incidente, “sarei sorpreso se se la fosse cavata con un colpo di frusta”. Angelina ha comunque lasciato il luogo dell'impatto sulle sue gambe e non è stato rilasciato nessun comunicato ufficiale sulle sue condizioni, il che fa supporre che l'attrice sia totalmente indenne.

Angelina Jolie era arrivata sorridente e in forma alla proiezione di “Unbroken”, il film che l'ha vista alla regia e scritto dai fratelli Coen, che narra la vita d Louis Zamperlini. La pellicola segue le incredibili vicende di Zamperlini, un atleta delle Olimpiadi del 1936 durante la Seconda Guerra Mondiale, il cui aereo si schiantò nell'Oceano Pacifico, L'eroe americano rimase a galla nell'oceano sopravvivendo per ben 47 giorni, ritrovandosi poi sulle coste giapponesi, dove venne fatto prigioniero e rimase per due anni segregato e torturato dagli ufficiali giapponesi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019