Excite

Addio Suso Cecchi D'Amico, signora di Cinecittà

Apparteneva ad una generazione di sceneggiatori che così non ce ne sono più, Suso Cecchi D'Amico, scomparsa all'età di 96 anni. Il mondo dello spettacolo rircorda con commozione la donna che seppe regalare sorrisi e lacrime attraverso grandi storie sul grande schermo.

'Ladri di biciclette', 'Rocco e i suoi fratelli' e 'Il Gattopardo' sono solo tre dei capolavori che Suso contribuì a creare. Definita 'La Grande Signora di Cinecittà', la sua storia è indissolubilmente legata alla Capitale non solo dal punto di vista artistico. La Cecchi D'Amico infattti è sempre stata in prima linea per la salvaguardia di Villa Borghese, dando vita alla fondazione Amici di Villa Borghese, alla quale si unirono illustri rappresentanti del mondo dello spettacolo.

Collaboratrice preziosa di maestri quali Visconti, Fellini, Antonioni, Rosi e Comencini, la sceneggiatrice è stata ricordata da Pupi Avati in occasione del Giffoni Film Festival: 'Suso Cecchi D'Amico - ha dichiarato il regista - e' stata una colonna del nostro cinema. Con il suo aiuto avrei voluto fare un film per la televisione sulle donne di Roberto Rossellini'.

A ricordarla - tra gli altri - anche Christian De Sica: 'E' stata una delle più grandi sceneggiatrici insieme a Cesare Zavattini, Tullio Pinelli e Piero De Bernardi. Era una generazione d'oro, un gruppo di grandi sceneggiatori. Oggi ci sono tanti bravi attori, ma sceneggiatori come loro, del loro calibro ce ne sono veramente pochi'.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017