Excite

Acab: violenza e poliziotti al cinema

  • Acabilfilm.it

Pierfrancesco Favino, attualmente al cinema con L’industriale, pare stia conquistando i grandi schermi ormai con una certa costanza. Dopo averlo visto nei panni di un imprenditore in crisi che non si lascia mettere i piedi in testa nemmeno quando è sull’orlo del fallimento, lo potremo ammirare nel film di prossima uscita ACAB, i cui è uno degli attori protagonisti.

ACAB, acronimo di “All cops are bastard”, è il nuovo film di Stefano Sollima che uscirà in tutte le sale italiane il prossimo 27 gennaio. La locandina del film, sparsa in tutta Italia, ci offre uno spettacolo familiare: non sono lontani i tempi degli scontri in piazza San Giovanni a Roma o quelli del G8 di Genova, in cui abbiamo assistito a scontri tra polizia, carabinieri e manifestanti, black bloc.

ACAB– in italiano “i poliziotti sono tutti bastardi” - racconta, per l’appunto, la storia di tre poliziotti, Cobra – Pierfrancesco Favino - Negro– Filippo Nigro - e Mazinga – Marco Giallini - facenti parte del VII Nucleo di Polizia, un reparto speciale che opera in prima linea per controllare azioni urgenti come black bloc, ultrà, No tav, quelli che abbiamo imparato a conoscere bene nelle ultime vicende sociali.
Sono i tre poliziotti a tenere la telecamera e a filmare, raccontare scontri, episodi, eventi dal loro punto di vista, nei panni di chi controlla e gestisce queste emergenze. Nel reparto presto arriverà una giovane recluta che riceverà gi insegnamenti dei suoi colleghi intenti a spiegargli e fargli mettere in pratica la legalità, il rispetto della legge anche con la violenza.

“Cobra è quello che più degli altri rappresenta l’ordine, visto che è quello che nell’appartenenza fa una vera e propria ragione di vita” – come sostiene Favino, a differenza di Negro che è un personaggio anch’esso controverso e che tende a portare sul lavoro i suoi problemi familiari e a scatenare la sua rabbia su chiunque gli si ritrovi di fronte. Mazinga è invece il più anziano dei tre celerini, quello che ormai è stanco, non è più motivato e non è disposto ad accettare scontri sia quelli in strada che quelli familiari.

Sollima ha improntato la sua pellicola partendo dal libro di Carlo Bonini, per l’appunto intitolato ACAB. I tre celerini, cresciuti sotto la cultura fascista, agiscono con rabbia, odio quelli con cui hanno imparato a convivere.

Torna sullo schermo l’amato Pierfrancesco Favino, accanto a Marco Giallini, Filippo Nigro, Domenico Diele, Andrea Sartoretti, Roberta Spagnuolo, Eugenio Mastrandrea, Eradis Josende Oberto. Il film è prodotto da Cattleya in collaborazione con rai Cinema e distribuito da 01 Distribution.

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017