Excite

Aaron Eckhart a Roma per "The Rabbit Hole"

 di Marta Marrucco

Il dolore più grande che un genitore possa affrontare è la perdita di un figlio: John Cameron Mitchell prova a raccontarlo sul grande schermo nel dramma 'Rabbit Hole', presentato dal protagonista Aaron Eckhart al Festival di Roma.

L'attore affianca la star Nicole Kidman nel progetto tratto dalla piece teatrale dal premio Pulitzer David Lindsay-Abaire: la morte del figlioletto allontana giorno per giorno una coppia. Lui elabora il lutto vivendo di ricordi, lei cercando di cancellarli. La protagonista comincerà a reagire dopo aver incontrato lo studente che investì involontariamente il figlio con la propria auto.

Per mostrare un senso di intimità sullo schermo, la Kidman ed Eckhart hanno convissuto nelle stessa casa per qualche mese: 'Il film affronta un argomento davvero delicato, malgrado cercassimo di alleggerire il morale, in alcuni momenti sul set piangevano tutti. Il regista inoltre ha perso un fratello, conosce il lutto di una grave perdita' ha raccontato l'attore.

L'attore di 'Thank you for smoking' e 'The Black Dahlia' ha partecipato ad alcuni incontri come quelli mostrati nel film, tra genitori che hanno perso i figli: 'Mi sono finto uno di loro. Non è stato etico e il dolore era troppo intenso. Per quanto ci si sforzi, è impossibile convincerti di provare lo stesso sentimento'.

Aaron si è detto entusiasta di aver collaborato con la Kidman, che ha creduto fermamente nel progetto tanto da produrlo: 'Di fronte a Nicole temevo di non essere alla sua altezza, perché lei teneva troppo a questo film. Credo che la sua sia stata una performance sorprendente. E’ importante che gli attori si aiutino fra loro, altrimenti non si non arriva al pubblico'. Poi ha aggiunto sulla morale del film: 'Anche se si elabora il lutto in maniera diversa, ognuno ha i suoi tempi, l’importante è amarsi'.

A proposito di perdita, Eckhart ha citato lo scomparso collega Heath Ledger, con il quale collaborò ne 'Il cavaliere oscuro': 'Heath era completamente, estremamente libero. Lo guardavo e cercavo di adeguarmi al suo livello. Lui ha ottenuto quello che solo pochi attori ottengono. E anche io vorrei preservare la possibilità di stupire il pubblico, senza mai apparire scontato'.

 (foto©La Presse)

cinema.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017